Blog

Rotary Club Foggia e Rotary Club Manfredonia celebrano i 50 anni dal primo allunaggio

La sera del 13 luglio, mentre nel cielo una Luna piena danzava con il gigante Giove in una splendida congiunzione astrale, su un lembo di Terra in Puglia (che nei giorni e nelle ore precedenti era stato flagellato da forti fenomeni temporaleschi), a Siponto – nel giardino dello Sporting Club ripristinato quasi miracolosamente e reso nuovamente agibile grazie al solerte intervento di alcuni soci e soprattutto delle infaticabili maestranze dopo l’ennesimo diluvio pomeridiano – si è potuto svolgere l’atteso primo incontro  estivo, in versione Interclub, del Rotary Club Foggia e quello di Manfredonia in collaborazione, appunto, con lo Sporting Club di Siponto, dal titolo “Guarda che luna” e dedicato al 50° anniversario del primo allunaggio avvenuto  20 luglio 1969.

Dopo gli inni e l’onore alle bandiere, il Dott. Vittorio Di Stasio, Presidente dello Sporting Club di Siponto, ha rivolto parole di benvenuto a tutti i presenti mettendo in evidenza la sperimentata e consolidata collaborazione tra i sodalizi. A seguire, la Presidente del Rotary Club Foggia, Antonella Quarato (ancora incredula della tregua del maltempo quasi rispettoso della festa in onore della luna), ha indirizzato i saluti alle autorità rotariane (tra le quali il PDG Sergio Di Gioia e gli Assistenti di zona del Governatore Sergio Sernia, rispettivamente Pasquale Frattaruolo e Luciano Magaldi), nonchè quelle civili e militari; saluti infine replicati dal Presidente del Rotary Club di Manfredonia, Andrea Pacilli.

E’ seguita la proiezione di un affascinante video della missione spaziale culminata con il primo sbarco dell’uomo sul suolo lunare che ha fatto rivivere, soprattutto tra coloro all’epoca adolescenti, le forti e vibranti emozioni dello storico evento.

Antonella Quarato ha poi presentato l’illustre ospite, il giornalista scientifico free lance specializzato nel settore aerospaziale Antonio Lo Campo, che collabora con “La Stampa” e “L’Avvenire” oltre che con diverse riviste di astronomia, già Consigliere dell’Ordine dei Giornalisti del Piemonte, autore di numerosi libri sull’astronautica tra i quali “Luna, la prima colonia” (scritto con Franco Malerba, il primo astronauta italiano nello spazio).

Antonio Lo Campo, torinese, che ha svelato le sue origini foggiane da parte materna, ha illustrato con grande efficacia – avvalendosi della proiezione di numerose testimonianze fotografiche (oggi veri preziosi reperti) –  i 12 anni  di continui sviluppi di studi e sperimentazioni con le competizioni tra Usa (ed i suoi astronauti) ed Unione Sovietica (cosmonauti) che hanno preceduto la storica missione dell’Apollo 11 che ha portato i primi uomini sulla Luna: gli astronauti statunitensi Neil Armstrong, Buzz Aldrin, mentre Michael Collins (pilota del modulo di comando) era rimasto in orbita lunare e da lui, molti anni dopo, personalmente intervistati. Quindi le missioni successive, arrivando sino all’ultima del programma spaziale americano da parte della NASA, l’ Apollo 17, ed  programmi oggi allo studio progettuale che prevedono la sfida di arrivare su Marte.

Molto coinvolto  il pubblico attentissimo che, dopo l’intervento di Antonio Lo Campo, ha fruito di una graditissima sorpresa offerta da quest’ultimo e presentata orgogliosamente da Antonella Quarato: la registrazione di una telefonata pervenuta alcune ore prima da Tito Stagno, celeberrimo ex giornalista Rai e scrittore (leggendario telecronista delle immagini in bianco e nero diffuse in diretta 50 anni fa del primo allunaggio) che ha rivolto parole di apprezzamento per l’iniziativa dei Rotary Club di Foggia e Manfredonia e dello Sporting Club in ricordo della storica missione lunare ed ha salutato il pubblico presente auspicando la fattibilità di un futuro incontro.

La splendida serata è quindi proseguita con l’elegante esibizione della giovane danzatrice classica Valentina De Rosa (coreografie di Lucia Fiore di “Spazio Danza”) sulle note “Clair de Lune” di Claude Debussy mentre la voce fuori campo di Giulio Treggiari  declamava versi di Giacomo Leopardi, Gabriele D’Annunzio e Gianni Rodari dedicati alla luna.

In chiusura, graditissima musica live con Mary Grace e l’Eau de Jazz Quartet.

Michele Chiariello

Rotary Club Foggia_Passaggio del martelletto

Tradizionale “Passaggio del maglietto” al Rotary Club Foggia – al termine dell’anno rotariano tra il Presidente Uscente Angelo Corbo e la subentrante Antonella Quarato nel corso di una cerimonia svoltasi il 28 giugno 2019 presso la Sala “Corte Corona” a Foggia, nel pieno rispetto del protocollo rotariano. Moltissimi i soci che hanno partecipato all’elegante serata, unitamente ad una rappresentanza delle autorità rotariane ed ai presidenti uscenti e subentranti degli altri due Club cittadini – “Umberto Giordano” e “Capitanata” – nonché di Manfredonia, dell’Inner Wheel e del Rotaract di Foggia.

In apertura di serata, dopo il momento solenne dell’ascolto degli inni, il Presidente Corbo ha invitato tutti i presenti ad osservare un momento di raccoglimento in memoria del Past Governor Nicola Dario Del Secolo, di Melfi, deceduto il giorno precedente.

E’ seguito il rituale saluto a tutti gli ospiti, non mancando di rivolgere un affettuoso pensiero ai soci decani non potuti intervenire ed al Prof. Celestino De Bianco che, novantaquattrenne,  dopo 37 anni ha deciso di lasciare il Club del quale era stato anche Presidente nel 1992/93. Il Presidente Corbo, avvalendosi della proiezione di un bellissimo video con le immagini dei numerosi eventi organizzati nell’anno rotariano conclusosi, ha quindi ripercorso le tappe del suo mandato, tutte riportate anche nell’opuscolo “Un anno di Rotary” distribuito ai soci.

Prima del fatidico “passaggio”, il PDG Sergio Di Gioia ha consegnato ad Angelo Corbo l’onorificenza “Paul Harris Fellow” in segno di gratitudine e di stima per il lavoro svolto con instancabile assiduità. Anche il Presidente Corbo ha inteso insignire di tale ambita onorificenza alcuni soci distintisi per la solidale vicinanza ed il proficuo impegno profusi: Saverio di Jorio, Paolo Telesforo, Massimo Lucianetti e Michele Chiariello. Ha infine ringraziato i componenti del Consiglio Direttivo e diversi altri soci che hanno preso parte alle varie iniziative facendo loro dono di targhe, attestati ed oggetti a ricordo della collaborazione prestata. Come da consolidata tradizione, il Consiglio Direttivo uscente ha donato a Corbo un bellissimo piatto in argento riportante i nomi di tutti i componenti.

Con il successivo “passaggio del maglietto” e del conseguente scambio dei posti al tavolo d’onore, si sono quindi suggellate le consegne tra l’uscente Corbo e la subentrante Antonella Quarato che, nel prendere la parola, ha ringraziato tutti i presenti e con comprensibile commozione ha ricordato le persone non più tra noi che negli anni, dal 2009, avevano accompagnato il  suo percorso di formazione nel Rotary inculcando la dottrina ed i principi fondativi del Club che le hanno permesso di ricoprire diverse importanti cariche, essere delegata a numerosi service, oltre che insignita ben sei volte della onorificenza “Paul Harris Fellow” e lo scorso anno essere premiata dal PDG Gianni Lanzilotti con il riconoscimento di “Rotariano dell’anno”.

La neo Presidente Quarato è quindi passata ad illustrare le linee programmatiche del prossimo anno rotariano, accennando ad iniziative già “cantierizzate” o in via di definizione che verranno realizzate con l’ausilio del nuovo Consiglio Direttivo (che ha già acceso i… motori) formato, oltre che dalla stessa Presidente, da: Angelo Corbo (Past President), Luigi Miranda (Presidente Incoming), Gianni Pompa (Vice Presidente), Michele Chiariello (Segretario), Monica Bonassisa (Prefetto), Stanislao Marinari (Tesoriere) ed i Consiglieri Giancarlo Ciuffreda, Gianfranco Maffei, Gianfranco Sacco.

Michele Chiariello

Rotary Club di Matera_Raffaele Braia, Nuovo Presidente

Presso sala Ricevimenti Masseria del Parco, Matera, si è tenuta domenica 30 giugno, l’annuale cerimonia del “Passaggio del Martelletto”. Guiderà il prestigioso sodalizio, fondato nel 1955, Raffaele Braia, che nel suo discorso di insediamento ha comunicato ai presenti il suo tema dell’anno “Connettiamo la Comunità”, illustrandone finalità ed obiettivi, in armonia con il tema internazionale “Il Rotary connette il mondo” e con il tema distrettuale del Governatore di Puglia e Basilicata, Sergio Sernia: “Io sono perché noi siamo connessi”. Il Rotary, dichiara Braia, è un’organizzazione mondiale di oltre 1,2 milioni di uomini e donne provenienti dal mondo degli affari, professionisti e leader comunitari ed è presente con oltre 35.000 Club in 200 Paesi e aree geografiche.

Il Presidente Braia, nel suo discorso d’insediamento, ha condiviso i Services che saranno sviluppati nell’anno rotariano 19-20 a favore della comunità materana e della comunità internazionale, in ottica Matera 2019.Il primo vedrà i soci del Rotary Club di Matera coinvolti nella progettazione e realizzazione de “Il Viale della Pace”. Altro evento di impatto internazionale sarà la giornata mondiale per la eradicazione della Poliomielite. Il Rotary da oltre vent’anni è in prima linea e grazie al nostro sodalizio sono stati vaccinati 3,5 miliardi di bambini. Nel corso dell’evento il Presidente uscente Antonio De Tommasi, ha stilato con efficacia il riassunto delle attività svolte nell’anno 2018-2019. Rosaria Cancelliere affiancherà il Presidente Braia nel ruolo di Segretario di Club, i componenti del consiglio direttivo sono: Vice Presidente Giuseppe Calicchio, Vice Presidente e Istruttore di Club, Antonio Braia, Segretario esecutivo, Roberto Luongo, Tesoriere, Donato Luongo, Prefetto Giovanni Porsia. Il Consiglio Direttivo 2019/2020 si completa con: Mario RivelliFranco PotenzaGiovanni Pelazzi, Pietro Bitonti, Eustachio Festa, Pinella D’Aria, Marco Pagano, oltre al Past President Antonio De Tommasi e dal Presidente Incoming, Gregorio Garzone. Durante la cerimonia sono stati insigniti con la massima onorificenza del Rotary, la “Paul Harris Fellow”, i soci: Antonio Braia, Domenico Orlandi e Carmine Cocca. All’evento erano presenti autorità rotariane e civili. Non solo Consiglio e Commissioni, ma ogni singolo socio – ha concluso Braia – è chiamato a dare il suo contributo per migliorare ciò che è in essere e per incentivare nuove azioni di servizio nell’ottica della continuità e della condivisione dei valori rotariani e delle sue vie di azione. Erano presenti tra gli altri l’IPDG Donato Donnoli, il PDG Rocco Giuliani, il PDG Mirella Guercia, il PDG Luca Gallo, il DGN Gianvito Giannelli, e Assistente del Governatore Sergio Sernia il rotariano Giuseppe Venece. Tra gli ospiti il Procuratore Capo della Repubblica di Matera Dott. Argentino, il Direttore Generale di Confindustria Basilicata Dott. Cav. Giuseppe Carriero e la Direttrice della Scuola di Archeologia Dott.ssa Sogliani.

Rotary Club Lecce Sud_Passaggio del Martelletto

Stefania Mandurino è la nuova Presidente: “Con il sorriso connettersi per la costruzione di un mondo migliore”

L’11 Luglio a Lecce nel salone delle feste dell’Hotel President, Stefania Mandurino ha ricevuto il testimone  della Presidenza da Gianni Vonghia per il nuovo a.r. 2019/20, alla presenza di numerose Autorità rotariane distrettuali e della provincia, tra cui il Governatore Sergio Sernia, l’Istruttore Distrettuale PDG Gianni Lanzilotti, il Past Governor Luigi Mariano Mariano, il Governatore eletto, gli Assistenti del Governatore ed i Componenti del suo Staff, Presidenti e Past Presidenti dei R.C.. Personalità istituzionali e insigni professionisti, graditi ospiti rotariani, gremivano la sala.

Il Presidente uscente, Gianni Vonghia, ha rappresentato l’attività svolta dal Club durante il suo incarico con i service realizzati: dalla promozione del territorio, all’azione benefica pro Caritas diocesana, all’attenzione rivolta ai giovani, con lo scambio presso famiglie straniere e con l’assegnazione di una borsa di studio ad una laureata eccellente dell’Università del Salento. Dopo aver ringraziato i soci del Club per la solidarietà dimostrata, ha conferito molteplici riconoscimenti onorifici ai soci che hanno collaborato per la realizzazione dei service con l’assegnazione del riconoscimento di P.H.F.

Il passaggio del Collare tra i due Presidenti è stato il momento più solenne della serata, scandito da un lungo e fragoroso applauso dei presenti.

La Presidente Stefania Mandurino ha salutato e ringraziato con la grazia e la raffinatezza che la contraddistinguono le Autorità e tutti presenti per la sentita e numerosa partecipazione; il suo grazie ai soci del Club Lecce Sud per l’incarico ricevuto, con l’impegno a continuare nei service più significativi già avviati. Presentando il Piano Strategico di Club, Stefania Mandurino ha sottolineato  Opportunità e Sfide della Comunità, dagli aspetti turistico-culturali a quegli ambientali, identitari e dell’innovazione tecnologica, dal sistema dei servizi pubblici all’inclusione delle categorie più deboli e alla messa in rete tra istituzioni, associazioni e stakeholder, con l’obiettivo del rafforzamento del Club e del rapporto col territorio e le sue istituzioni. Ha esplicitato quella che è la Visione del R.C.Lecce Sud in sintonia con il pensiero di Mark Daniel Maloney “ Il Rotary  connette il mondo” e del Goveratore Sernia: “Io sono perché noi siamo connessi nel mondo”, sottolineando anche che per rendere il mondo un posto migliore è necessario connettersi con le comunità, fare rete a livello professionale, allacciare relazioni con chi condivide gli stessi valori  e intende agire per il Bene comune.

Nel corso della Cerimonia sono stati presentati due nuovi soci :Paul Arthur e Stefano Salvatore, figure di grande speranza per il Club.

Il massimo riconoscimento della P.H.F. è stato assegnato dal Club al Presidente uscente Gianni Vonghia, nonché una targa, per la sua proficua dedizione durante l’autorevole incarico.

Straordinaria serata rotariana, ricca di messaggi di amicizia e di progetti di collaborazione e di solidarietà per il Bene Comune.

Anna Giannini

Rotary Club Andria Castelli Svevi_Passaggio del Martelletto

Un intero anno racchiuso in pochi minuti: rivivere momenti, emozioni e sensazioni in una calda sera d’estate in cui passare, in un gesto ormai decennale, il collare ed il martelletto ad un nuovo presidente. E’ il rito che si svolge di consueto nei Club Rotary di tutto il mondo, è il rito propedeutico al termine di un anno rotariano ed all’inizio di uno nuovo, in un democratico ed egalitario passaggio continuo al comando di tutti i soci. Ed è il rito che si è ripetuto anche ad Andria, dove il Club Rotary Castelli Svevi ha celebrato il Passaggio del Martelletto da Michele Cannone a Pietro Marmo.

Tanti i progetti sviluppati in questa annata appena trascorsa: progetti di tipo sociale, raccolte fondi, eventi informativi, in un percorso lungo 365 giorni vissuti intensamente e nel segno della condivisione.

Il testimone è stato raccolto da Pietro Marmo, uno dei soci fondatori del club andriese ed ormai impegnato attivamente nel club da oltre 30 anni. Per lui obiettivi chiari nel segno della continuità ma anche di idee essenziali per l’intera comunità, che può contare su segnali di altruismo e socialità grazie anche all’impegno concreto del Club andriese.

Un passaggio che arriva in un anno davvero speciale per il Rotary Club Castelli Svevi. Un anno che segna per la prima volta il ruolo di Governatore del Distretto 2120 dei 57 Club di Puglia e Basilicata, affidato ad un socio del Rotary Castelli Svevi e cioè Sergio Sernia da qualche giorno in carica e pronto alla difficile sfida che lo attende.