Governatore

section-3a36045

Biografia

Nicola Maria Auciello

governatore2223@rotary2120.it

//www.rotary2120.org/wp-content/uploads/2022/06/DSC_2317-1.jpg

Cari soci, cari amiche e amici,

con l’inizio di un nuovo anno rotariano siamo chiamati a prestare il nostro servizio seguendo le linee e le prerogative del Rotary. Con il nuovo anno il Rotary sarà soggetto a molteplici cambiamenti, cambiamenti che interesseranno sia i rapporti all’interno della famiglia del Rotary che verrà ampliata dalla presenza dei giovani del Rotaract, sia per le innovazioni nei rapporti con la Rotary Foundation. Come rotariani del Distretto 2120, così come è avvenuto negli anni passati, sapremo adattare la nostra capacità per offrire alle nostre Comunità tutto il nostro sostegno e impegno.

Come Governatore sono chiamato a servire svolgendo il ruolo di guida del Distretto. Sono consapevole delle responsabilità che ciò comporta, ma altresì, consapevole della grande opportunità che mi viene concessa insieme a tutti i leaders dei club per esaltare i principi e le finalità del Rotary con l’atteggiamento “amorevole”, così’ come auspicato dalla nostra Presidente Internazionale Jennifer Jones.

Un ringraziamento personale mio e di mia moglie Anna va al mio predecessore Governatore Gianvito Giannelli e alla sua gentile consorte Lilly che nei mesi passati ci hanno fatto sentire partecipi della vita del Distretto agevolando, così, una continuità di intenti.

A tutti Voi, Autorità rotariane, Presidenti e soci, va il mio cordiale augurio di buon lavoro e di uno luminoso anno di servizio che ci accumuni per il raggiungimento del Rotary che vogliamo.

Un Rotary costruttore di Pace, un Rotary inclusivo, un Rotary capace di dare speranza e benessere per le persone e ci faccia dire il “Rotary è Futuro”.

Viva il Rotary, viva il Distretto 2120.
Nicola

Nicola Maria Auciello è nato e risiede a Foggia, è sposato dal 1991 con Anna Fuiano laureata in Giurisprudenza all’Università di Bari. Hanno un figlio, Massimo, laureato in ingegneria aerospaziale, laurea magistrale con lode, che vive ed esercita la professione di business manager in campo aerospaziale a Roma.
La sua vita professionale inizia nel 1983, quando consegue presso l’Università degli Studi Federico II di Napoli la laurea con lode in Ingegneria Civile Idraulica, e da subito intraprende la sua carriera scientifica e didattica nell’Istituto di Scienza delle Costruzioni dell’Ateneo Napoletano.
Alla fine del 1988, in qualità di ricercatore di Scienza delle Costruzioni, prende servizio presso l’Università della Basilicata e collabora ai corsi di Costruzioni di Ponti e Complementi di Tecnica delle Costruzioni.
Dal 1993 al 2000 ha ricoperto il ruolo di docente per il corso di Meccanica dei Solidi per allievi di Ingegneria Civile Strutture.
Dal 2001, è titolare del corso di Scienza delle Costruzioni del corso di Laurea in Ingegneria Meccanica nella Scuola di Ingegneria.
E’ stato membro proponente del Dipartimento di Strutture, Geotecnica, Geologia Applicata e a ricoperto molti incarichi istituzionali di Ateneo. Componente fondatore della “Scuola d’Ingegneria dell’Università della Basilicata”.
Ha tenuto, in qualità di esperto e relatore, molteplici corsi e seminari in Enti Pubblici tra cui, Corsi Formez, Corsi CSEI nelle Regioni Basilicata, Molise, e Corsi di aggiornamento per Ordine degli Ingegneri.
Ha fatto parte del collegio dei Docenti del Dottorato di ricerca in “Modelli Dinamici” dell’Università della Basilicata – Facoltà di Matematica e, di seguito, membro effettivo del collegio dei Docenti del Dottorato di ricerca in “Rischio Sismico” – Facoltà di Ingegneria – Università della Basilicata.
E’ stato componente di commissioni di concorsi universitari per il settore disciplinare Scienza delle Costruzioni delle Facoltà di Architettura e Ingegneria.
E’ autore di oltre 100 pubblicazioni a carattere scientifico pubblicate su riviste Nazionali ed Internazionali, esperto di modelli matematici delle strutture; è autore di diverse monografie a carattere didattico ad uso della Scuola di Ingegneria dell’Università della Basilicata.
Professionalmente, in qualità di Ingegnere, ha progettato numerose opere private e pubbliche ricadenti nelle zone sismiche.
E’ iscritto nell’elenco dei Consulenti Tecnici presso il Tribunale di Foggia e svolge attività di Perito e C.T.U..
Dal 1996 al 2012 ha ricoperto la carica di Consigliere della Filiale di Foggia della Banca d’Italia e nel maggio 2012 è stato nominato Censore, incarico che tuttora ricopre.

Curriculum Rotariano
Il 18 aprile 2002 è stato cooptato dal Rotary Club Foggia dove ha ricoperto numerosi incarichi direttivi fino alla presidenza del 2010-2011.
E’ stato promotore di service a livello territoriale e del progetto “Giovani per la Vita” a favore delle giovani generazioni e responsabile e promotore di progetti internazionali: Global Grant borsa di studio E. Stampone (USA), due Global Grant per progetti umanitari sull’Alfabetizzazione in Tunisia, borse di studio e altri service a favore dei giovani.
Nel distretto ha ricoperto il ruolo di Segretario Distrettuale del Governatore Sergio di Gioia, a.r. 2005.06; Prefetto di Zona (BAT-Foggia) del Governatore Mario Greco, a.r. 2011-12; Assistente del Governatore Renato Cervini, a.r 2013.2014. Ha ricoperto, più volte, l’incarico di Presidente di Commissioni Distrettuali: Commissione Ambiente e Territorio e Commissione Conservazione e Sviluppo dell’Effettivo.
Autore di 5 monografie sulla membership distrettuale presentate nei rispettivi IDIR del 2009 e dal 2015 al 2021.

E’ Benefattore della Rotary Foundation ed è insignito di 9 PHF.
Riconosciuto rotariano dell’anno negli a.r. 2007-08, 2015-2016.
Encomio Internazionale “AVENUES OF SERVICE” del Presidente Internazionale John F. GERM (a.r. 2016-17).
Nel 2020, durante il Congresso del Governatore Sergio Sernia, è stato acclamato come Governatore del Distretto 2120 per l’anno 2022-2023.

section-aee8bd5

Nicola Maria Auciello

Lettere del Governatore

Leggi la lettera formato pdf

Agosto 2022

Mese dell’effettivo e dell’espansione

Carissimi,
come tutti sanno il mese di agosto è dedicato all’effettivo. Tradizionalmente, il problema dell’effettivo è stato affrontato in modo diretto, soprattutto attraverso l’impegno spasmodico dei club finalizzato alle cooptazioni dei soci purtroppo evidenziando un numero crescente di soci delusi che abbandonano il Rotary, producendo il fenomeno delle porte girevoli.
La forzata cooptazione di nuovi soci si è rivelato uno dei tanti tentativi, soltanto temporaneamente riuscito per incrementare falsamente la membership. In effetti, a ben guardare, non ha in alcun modo fornito risposte definitive, anzi ha messo in luce, in modo convincente, che non è opportuna la semplice cooptazione dei soci senza tener conto delle qualità rotariane ed umane dei neo soci.
Intorno agli anni 2000 si è ipotizzato che il Rotary, entrato in un mondo spiccatamente globalizzato, potesse intercettare la voglia dell’individuo di appartenere a gruppi di persone costituite in associazioni.
Questa fallace analisi ha portato alla convinzione che nel giro di alcuni anni la nostra compagine potesse registrare un incremento significativo portando la membership mondiale al milione e mezzo di rotariani.
Purtroppo, come abbiamo potuto verificare, da alcuni decenni l’effettivo del Rotary, a parte qualche zona del pianeta, non registra aumenti degni di nota, condizione che si verifica anche nel nostro Distretto e che, se da una parte non denota una crescita dell’effettivo, dall’altra, non subisce decrementi apprezzabili.
Oggi il trend registrato non è allarmante per cui non dobbiamo scoraggiarci, ma non possiamo restare sordi alle ultime statistiche, né possiamo adottare la strategia dello struzzo che ignora la realtà. La realtà è meglio affrontarla e stare attenti a non farsi ingannare da “certi” dati statistici, alcuni possono risultare rassicuranti per certi aspetti: come ad esempio nell’incremento del 10% del numero dei club del Distretto, altri, ci dicono che il numero totale dei soci del Distretto è pressoché invariato. Un dato certo che può essere visto oggettivamente e riconosciuto da tutti riguarda la questione del mantenimento (retention); in pratica non riusciamo a conservare i soci come vorremmo.
La presenza delle donne, socie, nei nostri club si aggira intorno al 20%, in linea con il dato italiano, mentre, la presenza dei giovani di età inferiore a 40 anni è solo del 3,2 %. Dato francamente allarmante, a cui dovremmo porre rimedio con tutti i nostri sforzi.

Lo sviluppo dell’effettivo cammina a braccetto con l’operato del Rotary. Una membership diversificata, equa e inclusiva di rotariani impegnati nei service e programmi è il presupposto primario per ampliare la nostra azione e incidere in maniera sostanziale sulla riuscita delle nostre azioni.
Impegniamoci a sponsorizzare un nuovo socio, parliamo ad amici, ai colleghi del nostro essere rotariani, dei progetti del nostro club, divulghiamo nei nostri territori quanto facciamo e creiamo le condizioni per cui il nostro operato possa destare interesse nelle nostre comunità.
Bisogna divulgare il concetto per cui il Rotary è una grande famiglia.
Entrare a farne parte è un modo di condividere la comune volontà di migliorare l’amicizia, realizzare i propri ideali di servizio e contribuire, in modo determinante, a realizzare il grande sogno della pace nel mondo. È evidente, quindi, che ciascuno di noi dovrebbe costantemente operare per ampliare quel condiviso gruppo di amici, aggiungendone degli altri.
Facciamo sentire la nostra voce raccontando chi siamo, raccontiamo che i Rotariani hanno: portato la polio sull'orlo dell'eradicazione, che stiamo portando acqua potabile a coloro che ne hanno bisogno, che abbiamo migliorato le condizioni umane a sostegno della prevenzione dalle malattie, elargito borse di studio ai giovani per creare generazioni di edificatori di pace.
Quest’azione di promozione deve impegnare tutto l’arco dell’anno e non solo nel mese di agosto.

Emozioniamoci e emozioniamo con il Rotary, divulghiamo l’orgoglio rotariano, viviamo tutti i momenti di Rotary con la consapevolezza che il Rotary è Futuro, speriamo un futuro migliore.

Un caro abbraccio e buone vacanze.

Nicola

Leggi la lettera formato pdf

Luglio 2022

Inizio del nuovo anno di incarico dei Dirigenti Rotary

Cari soci, cari amiche e amici,
luglio è il mese dedicato ai nuovi dirigenti del Rotary, come di consueto, inizia un nuovo anno rotariano e i
leaders del Rotary cambiano. I club vengono guidati da altri Presidenti, il Distretto è guidato da un altro
Governatore e, anche a livello centrale, il nuovo Presidente Internazionale è chiamato a dettare la linea della
nostra associazione. In pratica ogni 1° luglio il Rotary cambia i suoi leaders.
Questo continuo turn-over a un occhio poco attento potrebbe far venir il sospetto che il Rotary,
usando una frase che ho sentito molte volte, sia l’associazione che, ogni anno, brucia i suoi leaders. Nulla di
più falso. Rotary, così come traspare dal signicato etimologico, è sinonimo di rotante, girevole, dunque in
perenne cambiamento. Ed è questa la sensazione che ho sempre provato in tutti questi anni sin da quando
il Rotary mi ha cooptato.
Questo apparente disvalore, al contrario, rende il Rotary forte e adabile, capace di rigenerarsi ogni
anno e arontare le sde che si presentano nel passare dei decenni. Lo facciamo da più di cent’anni e, certamente,
lo faremo per i prossimi cento anni perché i nostri ideali, sono fondati sulla tolleranza e sullo spirito
di amicizia, ed immutabili.
Da un paio di giorni ho assunto la carica di Governatore. Dopo aver trascorso i precedenti due anni a
seguire i corsi di apprendimento indispensabili per svolgere questo prestigioso incarico e dopo aver incontrato
i leaders del Distretto nei seminari di formazione SIPE e Assemblea.
Penso che tutti noi ci siamo preparati al meglio per perseguire i nostri obbiettivi, ideare service e
progetti a favore delle comunità.
La presidente Jennifer Jones all’insegna di questi valori ha sottolineato, con Shekhar Mehta, l’importanza
della continuità nella strategia a favore dell’incremento dell’eettivo e nei service degli anni precedenti.
Nello specico, chiedo a tutti Voi di non abbandonare i service di successo in atto, anzi, di potenziarli,
mi diceva qualche giorno fa un mio amico rotariano riguardo le opere buone del Rotary “noi dobbiamo
aggiungere e non sottrarre”.
Come Governatore sono chiamato a servire svolgendo il ruolo di guida del Distretto. Sono consapevole
della responsabilità che ciò comporta ma, altresì, consapevole della grande opportunità che mi viene
concessa insieme a tutti i leaders dei club per esaltare i principi e le nalità del Rotary con l’atteggiamento
“amorevole”, così come auspicato dalla nostra Presidente Internazionale. È il momento di immaginare il
Rotary che vogliamo e che guarda alla Diversità come opportunità e si fa promotore dell’Equità, dove tutte
le persone siano benvenute, rispettate e valorizzate in uno spirito inclusivo nel vero senso del termine.
Con il nuovo anno il Rotary sarà soggetto a molteplici cambiamenti, cambiamenti che interesseranno
sia i rapporti all’interno della famiglia del Rotary che verrà ampliata dalla presenza dei giovani del Rotaract,
sia per le innovazioni nei rapporti con la Rotary Foundation.
Noi, come individui e rotariani, possiamo fare ben poco per cambiare le leggi dell’universo. Durante
la nostra vita abbiamo poca inuenza sulle forze che interferiscono con il nostro benessere, sappiamo che è importante fare tutto il necessario per evitare i conitti e perseguire la pace, lottare per abolire l’ingiustizia
sociale, debellare fame e combattere le malattie.
Ma non possiamo aspettarci che gli sforzi per cambiare le condizioni esterne migliorino immediatamente
la qualità della vita delle persone se non mettiamo in conto un grande cambiamento della nostra
modalità di pensiero. Come ha scritto J.S. Mill: “Non sono possibili grandi miglioramenti nella condizione
degli esseri umani no a che non si vericherà un grande cambiamento nella natura di fondo delle loro
modalità di pensiero”.
Vorrei ricordare che molte delle grandi novità di idee, azioni di successo sono sempre frutto di sperimentazione.
Ora che siamo all’inizio di un esaltante anno rotariano Vi invito ad immaginare il Rotary del
futuro. Preparandoci insieme per vivere tutti i rintocchi delle nostre campane come rintocchi di pace e di
buone azioni attraverso i services e i progetti dei nostri club, ricordiamo che le nostre fatiche scompaiono
d’incanto quando operiamo per il bene delle comunità che ci fanno dimenticare tutte le avversità che abbiamo
incontrato.
San Camillo De Lellis “Fratello se Tu farai alcuna cosa brutta con diletto. Il diletto passa e la bruttezza
resta. Ma se Tu farai alcuna cosa buona con fatica, la fatica passa e la virtù rimane”.
Come rotariani del Distretto 2120, così come è avvenuto negli anni passati, sappiamo operare con
fatica per raggiungere obbiettivi straordinari. Abbiamo contribuito a favore dell’eradicazione della Polio,
creato le condizioni per combattere le malattie, nanziato con le nostre sovvenzioni progetti di grande
impatto sociale sui temi della sostenibilità ambientale, dell’alfabetizzazione degli adulti, siamo impegnati in
tutte le sette aree di intervento della Rotary Foundation. Continuiamo nella nostra azione con l’entusiasmo
che avete sempre dimostrato e, sono certo, raggiungeremo grandi risultati.
Un ringraziamento personale mio e di mia moglie Anna va al mio predecessore Governatore Gianvito
Giannelli e alla sua gentile consorte Lilly che nei mesi passati ci hanno fatto sentire partecipi della vita del
Distretto agevolando, così, una continuità di intenti.
A tutti Voi, Autorità rotariane, Presidenti e soci, va il mio cordiale augurio di buon lavoro e di un
brillante anno di servizio che ci accumuni in questa splendente esperienza per il raggiungimento del Rotary
che vogliamo.
Un Rotary costruttore di Pace, un Rotary inclusivo, un Rotary capace di dare speranza e benessere
per le persone e ci faccia dire il “Rotary è Futuro”.
Nicola

section-8c96a46

Governatore Eletto

Vincenzo Sassanelli

https://www.rotary2120.org/wp-content/uploads/2021/07/sassanelli-300x300.jpg

Governatore Nominato

Lino Pignataro

https://www.rotary2120.org/wp-content/uploads/2022/06/pignataro-300x300.jpg
Condividi su
Translate »