Governatore

section-3a36045

Biografia

Gianvito Giannelli

governatore2122@rotary2120.it

//www.rotary2120.org/wp-content/uploads/2021/07/L1001305-2.jpg

Cari soci, cari amiche e amici,
mi accingo a prendere in mano la barra del Distretto, consapevole delle responsabilità che ciò comporta ma anche delle straordinarie opportunità che possiamo essere in grado di offrire alle nostre Comunità, incidendo sulla vite di ogni persona che possa essere coinvolta dal nostro agire; perché, come rotariani, siamo chiamati a servire per cambiare vite.

Un ringraziamento particolare e tutto il nostro apprezzamento va al Governatore Giuseppe Seracca Guerrieri che, insieme alla Sua Squadra, ha retto il Distretto con mano sicura, accrescendone il prestigio e rafforzando la coesione e la capacità progettuale dei soci e dei Club, anche nei tempi difficili che abbiamo vissuto.

A tutti Voi, Autorità rotariane, Presidenti e soci, va il mio cordiale augurio di buon lavoro e di uno scintillante anno di servizio.

Viva il Rotary, viva il Distretto 2120.
Gianvito

Gianvito Giannelliè nato a Bari, dove risiede, il 26 novembre 1960.E’ coniugato con Isabella (Lilly) Ginefra, magistrato, attualmente con funzioni di Procuratore della Repubblica in Larino e presidente dell’Associazione Donne Magistrato. Ha una figlia, Anna Maria, studentessa di medicina.

C.V. professionale.
Laureatosi in Giurisprudenza presso l'Università di Bari il 13 aprile 1984, con il massimo dei voti e l’invito della Commissione a proseguire gli studi, è professore ordinario di Diritto Commerciale presso l’Università degli Studi di Bari “Aldo Moro”, dove insegna anche Diritto delle Crisi di Impresa.
Inoltre, è docente di Diritto Commerciale presso la Scuola delle Professioni legali dell’Università di Bari; ha insegnato presso la Scuola delle Professioni legali dell’Università di Roma Tre e presso il Master di Giurista d’Impresa organizzato sempre dall’Università di Roma Tre, nonché presso la Università LUISS di Roma.
E'co-direttore o componente del comitato di direzione di diverse riviste giuridiche a carattere nazionale.
E’ componente del Collegio dei Docenti del Dottorato di Ricerca in Sistemi giuridici presso il Dipartimento giuridico dell’Università di Bari.
E’ autore di diverse monografie, coautore di tre manuali, nonché di numerosi articoli in materia societaria, fallimentare, bancaria, di diritto d’autore.
Ha presieduto la Commissione Brevetti dell’Università di Baridal 2006 al 2012 ed è stato Delegato al bilancio del Rettore dal 2011 al 2020.
Ha presiedutol’O.I. (Organo di Indirizzo) dell’Azienda Ospedaliero – Universitaria “Policlinico” di Bari.
Esercita la professione di avvocato in Bari, Roma e Milano.

C.V. rotariano
Socio del R.C. Bari Sud dal 1999, ne è stato presidente nell’a.r.2009-2009; nel Distretto ha ricoperto diversi incarichi, quale componente e presidente di commissioni; è stato nominato Assistente del Governatore per l’a.r. 2010-2011 e presidente della Commissione Ryla distrettuale (2013-2014 e 2014-2015) e nazionale (2013-2014).
Nel 2019, nel corso del Congresso del Governatore Donato Donnoli, è stato acclamato come Governatore per il Distretto 2120 per l’anno 2021-2022. E’ insignito di 9 PHF.

section-aee8bd5

Gianvito Giannelli

Lettere del Governatore

Luglio 2021

Inizio del nuovo anno di incarico dei Dirigenti Rotary

Cari amici e amiche,
il 1° luglio è iniziato il nuovo anno rotariano e il 3 luglio, durante il XXVI Congresso, il Governatore Giuseppe Seracca Guerrieri mi ha passato il Collare.

Assumo l’impegno di servire il Distretto consapevole delle responsabilità che ciò comporta, così come del patrimonio di amicizie, progettualità ed emozioni che costituiscono la ricchezza più bella del nostro Distretto.

Ci lasciamo alle spalle un anno complesso, durante il quale il Distretto 2120, sotto la guida sicura di Giuseppe, ha bene operato sul territorio, ha scritto belle pagine di service anche all’estero ed ha serrato le fila, agendo con coesione ed amicizia e dimostrando, ancora una volta, che c’è bisogno di Rotary.

A Giuseppe Seracca Guerrieri ed alla Sua Squadra va il mio affettuoso ringraziamento.

L’anno rotariano appena trascorso è stato rattristato dalla scomparsa di Riccardo Giorgino uomo di scienza e di grande spessore umano ma, soprattutto,guida illuminata del Distretto e interprete profondo e attento dei valori rotariani; al Lui va il nostro commosso pensiero, consapevoli che il Suo insegnamento di sarà di guida e di sprone a bene operare.
Nel nome di questi valori, il 1° luglio si è celebrato il tradizionale omaggio dei Governatori di tutti i Distretti Rotary italiani all’Altare della Patria a Roma.

Questa cerimonia non rappresenta solo l’omaggio a chi bene ha operato ed ha meritato la gratitudine della Nazione, ma anche la fedeltà ai principi, alle istituzioni ed alle regole del vivere civile; cosìcome, la visita, anch’essa di tradizione, al Dipartimento della Protezione Civile rappresenta la proiezione nel futuro e l’impegno sul territorio, al servizio delle nostre comunità.

Ai giovani del Rotaract e dell’Interact va il mio cordiale augurio di buon lavoro, essi costituiscono una risorsa importante ed è nostro compito aiutarli al meglio a sviluppare le loro grandi potenzialità.

Il mio cordiale abbraccio va a tutti i soci e, permettetemi, agli amici del Club di Lauria. Benvenuti nel nostro Distretto.
Consideriamo le situazioni di bisogno sociale delle comunità non come un problema da risolvere, ma come opportunità da cogliere per sopperire alle necessità altrui e cambiare le vite degli altri, come ci ricorda il nostro Presidente Internazionale, Shekhar Mehta.

Nel suo discorso di apertura alla Assemblea Internazionale di Orlando, Shekhar Mehta ci ha invitato tutti quanto a riscoprire le la gioia e la magia del servire, consapevoli che ciascuno può compere azioni straordinarie e che anche un piccologesto può cambiare le vite degli altri. SERVIRE PER CAMBIARE VITE è il motto che ci deve essere di pungolo nel nostro agire e di criterio di selezione delle nostre iniziative.

Al tempo stesso, una adeguata e corretta informazione sulle nostre iniziative, senza falsi pudori e con una condivisione delle stesse con i soci a livello di Club e al livello di Distretto con i Club può fungere da leva per attrarre nuovi soci e far crescere l’effettivo, permettendoci così di impostare e sempre attuare nuovi progetti di servizio e di realizzare l’obiettivo del Presidente Internazionale di una crescita importante del numero dei soci; GREW MORE TO DO MORE come egli ci ha ricordato.

Dobbiamo quindi individuare i bisogni delle Comunità, a impostare progetti di servizio sostenibili, essere il più possibile inclusivi con i soci e le comunità di appartenenza, nonché con le pubbliche istituzioni, con il mondo della scuola e dell’università, e condividere i risultati con una sana e corretta informazione.

Non dobbiamo inoltre dimenticare il sostegno alla Rotary Foundation che, come ha ricordato Riccardo Giorgino, ci permette, in un mondo sempre più globalizzato, di impostare programmi ambiziosi di respiro ultranazionale.

Infine, siamo chiamati tutti a dare il nostro contributo e a mettere a disposizione degli altri la cosa più preziosa di cui possiamo disporre, il nostro tempo, cosa affatto scontata. Perché cari amici, ogni giorno ne vale la pena.

Un caro abbraccio e buon anno rotariano a tutti.

Agosto 2021

Care Amiche e cari amici,
agosto è un mese tradizionalmente riservato al riposo ma, dopo il Congresso e gli scambi del martelletto, il Distretto è in piena effervescenza e molti Club sono lanciati ventre a terra in progetti di service e in attività di raccolta fondi.
Per noi Rotariani, agosto è il mese dell’effettivo e il nostro Presidente Internazionale, Shekhar Mehta, ci invita a celebrarlo invitando nuovi amici a far parte del Rotary.
Il motto “Every one brings one” può essere considerate eccessivamente ambizioso ma non lo è l’obiettivo di una crescita dell’effettivo pari all’8%. Il nostro Distretto gode di una situazione privilegiata rispetto ad altre realtà perché negli ultimi anni ha tenuto complessivamente le posizioni ed ha anche registrato una crescita nel numero dei soci.
Però abbiamo la possibilità di fare di più e di affermare una netta controtendenza rispetto ad altre realtà europee. Grow more to do more è un programma che non può essere letto solo in termini di crescita delle risorse finanziarie, sicuramente importanti ma non esaustive come obiettivo, ma soprattutto in termini di crescita delle risorse umane. Dal punto di vista rotariano, il c.d. capitale umano è ciò che conta veramente perché consente di impostare programmi sostenibili utilizzando le professionalità dei rotariani. Questo vuol dire anche porre la dovuta attenzione ad una attenta selezione degli aspiranti soci, possibilmente favorendo da parte loro la frequentazione preventiva del Club per saggiarne la robustezza della motivazione a diventare rotariani.
Il discorso, però, è sicuramente più complesso e merita qualche ulteriore riflessione. Il tema dell’effettivo non è solo di crescita ma anche di ritenzione dei soci e di conservazione del numero; e questo è l’obiettivo primario che può essere raggiunto solo con il pieno coinvolgimento dei soci. Un socio attivo, partecipe e motivato è anche un socio che potenzialmente può organizzare progetti sostenibili anche economicamente e finanziariamente; viceversa, i soci non devono essere considerati solo come apportatori di risorse finanziarie senza che vi sia un loro effettivo coinvolgimento; quando parlo di coinvolgimento mi riferisco sia alla progettualità, sia ad una preparazione dei soci in termini di futura partecipazione alle cariche apicali. Un Club vivace ed efficiente è un Club che riesce a preparare per tempo i propri dirigenti e a creare un avvicendamento attingendo ad un serbatoio di risorse inesauribile.
Il Rotary è diventato una organizzazione sempre più complessa, che richiede una attenta preparazione dei futuri dirigenti, così come ben strutturati e meditati devono essere i progetti di service; come l’organizzazione di un Club, anche i progetti di service, soprattutto quelli più ambiziosi, richiedono il pieno coinvolgimento delle professionalità dei soci.
Inoltre, un Club attivo sul territorio e che comunichi in maniera efficace la propria azione, è un Club che riesce a motivare i soci attuali e ad attirarne di nuovi.
Grow more to do more deve essere visto all’interno di un processo circolare (come la nostra ruota del distintivo che con orgoglio indossiamo) dove il to do e cioè il fare (bene) divenga motivo di aggregazione per crescere (to grow more).
Il tema dell’effettivo non può che coinvolgere, a mio avviso, il tema della implementazione delle diverse professionalità dei rotariani; acquisire nuovi soci significa acquisire nuove e ulteriori professionalità da utilizzare al meglio per bene e correttamente operare; ma significa anche sviluppare nuovi rapporti di amicizia e rinsaldare quelli già esistenti, ricordandoci tutti che la diversità è per noi un valore e non un elemento ostativo; il che evoca alcuni interrogativi che non possiamo eludere.
Ci stiamo lasciando alle spalle un periodo complicato costellato da lutti e sacrifici, ma, di fronte a noi, si intravede la luce in fondo al tunnel anche se non mancano alcuni segnali inquietanti di ripresa della circolazione del virus.
Come Rotariani siamo tenuti ad osservare le regole delle Comunità in cui viviamo, ma anche a rispettare le indicazioni che ci vengono dal Rotary International; all’interno di questa cornice e purché siano rispettate le condizioni di sicurezza per i soci, è mia intenzione fare quanto possibile per ripristinare un clima di serenità e di incontri in presenza.

Con questo auspicio,
Vi auguro buona estate e buon vento e ricordate che
ogni giorno ne vale la pena

section-8c96a46

Governatore Eletto

Nicola Auciello

https://www.rotary2120.org/wp-content/uploads/2020/07/foto-nicola-auciello-300x300.jpg

Governatore Nominato

Vincenzo Sassanelli

https://www.rotary2120.org/wp-content/uploads/2021/07/sassanelli-300x300.jpg
Condividi su