Categoria: News

Pesciolino Rosso

ROTARY CLUB VALLE DELL’OFANTO

Service “PESCIOLINO ROSSO”

11 aprile 2024

Il Rotary ha avuto sempre una particolare attenzione al mondo giovanile, alle sue problematiche e alle sue peculiarità, soprattutto durante il periodo formativo della scuola.

Seguendo questa “Road Map” il Rotary Club Valle dell’Ofanto, che esplica la sua azione filantropica nelle città di Margherita di S., Trinitapoli e San Ferdinando di P., ha inteso realizzare il service “Pesciolino Rosso” presso l’Auditorium del Liceo “Aldo Moro” di Margherita di Savoia la mattina del giorno 11 aprile 2024, invitando a tenere un incontro formativo/educativo il Dott. Gianpietro Ghidini, fondatore della associazione “Ema Pesciolino Rosso”.

Questa Associazione ha come scopo principale il sostegno dei giovani nella forma della prevenzione e divulgazione e lo sviluppo di idee innovative. Non solo ma è diventata, nel tempo, una community di migliaia d persone, in crescita costante, dove genitori e giovani si scambiano idee, pensieri e condividono riflessioni sui temi come l’adolescenza, il futuro, la scuola e sul rapporto tra genitori e figli.

Ad accogliere il dott. Gianpietro Ghidini, accompagnato dalla consorte Serenella, il Presidente del R.C. Valle dell’Ofanto, Giacomo Triglione, e la Dirigente dell’Istituto Scolastico “Aldo Moro, Prof.ssa Anna Antonietta Lamacchia, oltre una marea di giovani studenti confluiti nell’auditorium.

Dopo il suono della campana, l’esecuzione del Canto degli Italiani, dell’Inno europeo e del Rotary International, il Segretario del Club, Sergio Albrizio, ha rivolto ai presenti i saluti istituzionali.

Quindi è stato dato il via a una breve serie di interventi necessari a spiegare le ragioni e gli scopi dell’incontro, dando la parola in successione al Presidente Giacomo Triglione, alla Dirigente Prof.ssa Anna Antonietta Lamacchia, alla Prof.ssa Emma Daloiso, responsabile organizzativa dell’evento per conto della scuola, e infine a Cinzia Del Corral, in rappresentanza del Governatore Distrettuale, Vincenzo Sassanelli, che non ha potuto partecipare per impegni istituzionali precedentemente assunti.

Ha preso, infine, la parola Gianpietro Ghidini, il quale ha iniziato a raccontare la sua drammatica storia, cioè quella di un padre che ha perso un figlio adolescente che si è suicidato perché lui non ha saputo o voluto ascoltare e comprender l’urgenza della sua richiesta d’aiuto e di affetto perché troppo preso dal lavoro.

Un intervento che ha toccato vari temi: dalle lusinghe per i giovani del denaro e del facile successo, dalla fuga dalle responsabilità e dalle inevitabili sofferenze della vita facendo uso e labuso dello spinello e dell’alcool, dal pericolo del gioco d’azzardo che li cattura, per trovarsi, alla fine con una vita distrutta, e dal difficile rapporto tra genitori e figli.

Il messaggio che Gianpietro Ghidini ha trasmesso con efficacia a tutti ma, soprattutto ai giovani, è quello di credere in loro stessi, di avere la capacità di rialzarsi dagli errori commessi, di cercare e ottenere nella famiglia quell’aiuto di cui hanno bisogno.

Un racconto teso, semplice ma estremamente potente attraverso l’uso di parole che solo un padre così toccato nei suoi affetti più cari può pronunciare, un intervento che pian piano ha conquistato il cuore e la mente dei presenti, una platea che da poco attenta e vociante si è raccolta in religioso silenzio, con una partecipazione palpabile e impressionante e una commozione e un coinvolgimento generale impressionante.

Al temine un lungo applauso ha sottolineato il feeling creatosi tra i giovani studenti e l’oratore, con tantissimi di loro che hanno voluto abbracciare singolarmente Gianpietro per testimoniare il loro affetto e fargli capire che il suo messaggio di riscatto, d’amore e di vita vera era stato raccolto.

Semplicemente fantastico il risultato che il Rotary ha saputo e voluto raggiungere nel farsi ponte tra le esigenze e le problematiche educative e relazionali delle giovani generazioni e il mondo degli adulti, nell’insegnare loro a crearsi uno scudo protettivo nei confronti delle dipendenze come droga, alcool e gioco d’azzardo, e a non credere nelle facili illusioni del dio denaro come chiave del successo, che si ottiene solo con il sacrificio, il merito e il lavoro onesto.

Giacomo Triglione

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Service “Pesciolino Rosso”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

ROTARY CLUB VALLE DELL’OFANTO
Service “PESCIOLINO ROSSO”
11 aprile 2024

Il Rotary ha avuto sempre una particolare attenzione al mondo giovanile, alle sue problematiche e alle sue peculiarità, soprattutto durante il periodo formativo della scuola.

Seguendo questa “Road Map” il Rotary Club Valle dell’Ofanto, che esplica la sua azione filantropica nelle città di Margherita di S., Trinitapoli e San Ferdinando di P., ha inteso realizzare il service “Pesciolino Rosso” presso l’Auditorium del Liceo “Aldo Moro” di Margherita di Savoia la mattina del giorno 11 aprile 2024, invitando a tenere un incontro formativo/educativo il Dott. Gianpietro Ghidini, fondatore della associazione “Ema Pesciolino Rosso”.

L’ìAssociazione ha come scopo principale il sostegno dei giovani nella forma della prevenzione e divulgazione e lo sviluppo di idee innovative. Non solo ma è diventata,nel tempo, una community di migliaia d persone, in crescita costante, dove genitori e giovani si scambiano idee, pensieri e condividono riflessioni sui temi come l’adolescenza, il futuro, la scuola e sul rapporto tra genitori e figli.

Ad accogliere il dott. Gianpietro Ghidini, accompagnato dalla consorte Serenella, il Presidente del R.C. Valle dell’Ofanto, Giacomo Triglione, e la Dirigente dell’Istituto Scolastico “Aldo Moro, Prof.ssa Anna Antonietta Lamacchia, oltre una marea di giovani studenti confluiti nell’auditorium.

Dopo il suono della campana, l’esecuzione del Canto degli Italiani, dell’Inno europeo e del Rotary International, il Segretario del Club, Sergio Albrizio, ha rivolto ai presenti i saluti istituzionali.

Quindi è stato dato il via a una breve serie di interventi necessari a spiegare le ragioni e gli scopi dell’incontro, dando la parola in successione al Presidente Giacomo Triglione, alla Dirigente Prof.ssa Anna Antonietta Lamacchia, alla Prof.ssa Emma Daloiso, responsabile organizzativa dell’evento per conto della scuola, e infine a Cinzia Del Corral, in rappresentanza del Governatore Distrettuale, Vincenzo Sassanelli, che non ha potuto partecipare per impegni istituzionali precedentemente assunti.

Ha preso, infine, la parola Gianpietro Ghidini, il quale ha iniziato a raccontare la sua drammatica storia, cioè quella di un padre che ha perso un figlio adolescente che si è suicidato perché lui non ha saputo o voluto ascoltare e comprender l’urgenza della sua richiesta d’aiuto e di affetto perché troppo preso dal lavoro.

Un intervento che ha toccato vari temi: dalle lusinghe per i giovani del denaro e del facile successo, dalla fuga dalle responsabilità e dalle inevitabili sofferenze della vita facendo uso e labuso dello spinello e dell’alcool, dal pericolo del gioco d’azzardo che li cattura, per trovarsi, alla fine con una vita distrutta, e dal difficile rapporto tra genitori e figli.

Il messaggio che Gianpietro Ghidini ha trasmesso con efficacia a tutti ma, soprattutto ai giovani, è quello di credere in loro stessi, di avere la capacità di rialzarsi dagli errori commessi, di cercare e ottenere nella famiglia quell’aiuto di cui hanno bisogno.

Un racconto teso, semplice ma estremamente potente attraverso l’uso di parole che solo un padre così toccato nei suoi affetti più cari può pronunciare, un intervento che pian piano ha conquistato il cuore e la mente dei presenti, una platea che da poco attenta e vociante si è raccolta in religioso silenzio, con una partecipazione palpabile e impressionante e una commozione e un coinvolgimento generale impressionante.

Al temine un lungo applauso ha sottolineato il feeling creatosi tra i giovani studenti e l’oratore, con tantissimi di loro che hanno voluto abbracciare singolarmente Gianpietro per testimoniare il loro affetto e fargli capire che il suo messaggio di riscatto, d’amore e di vita vera era stato raccolto.

Semplicemente fantastico il risultato che il Rotary ha saputo e voluto raggiungere nel farsi ponte tra le esigenze e le problematiche educative e relazionali delle giovani generazioni e il mondo degli adulti, nell’insegnare loro a crearsi uno scudo protettivo nei confronti delle dipendenze come droga, alcool e gioco d’azzardo, e a non credere nelle facili illusioni del dio denaro come chiave del successo, che si ottiene solo con il sacrificio, il merito e il lavoro onesto.

Giacomo Triglione

PREMIO DI LAUREA-DOTTORATO “SERGIO DI GIOIA” DEL ROTARY CLUB FOGGIA ASSEGNATO ALLA DOTT.SSA FLAVIA FOGLIA – ANNA MARIA VOLPE NOMINATA SOCIA ONORARIA

Assegnato dal Rotary Club Foggia il Premio di Laurea-Dottorato che quest’anno è stato
riservato agli studenti dell’Università di Foggia che hanno conseguito la Laurea presso
la Facoltà di Filologia, Letterature e Storia del Dipartimento di Studi Umanistici,
Lettere, Beni Culturali e Scienze della Formazione.
La XXV Edizione, dedicata in memoria del Past Governor e Past President Sergio Di
Gioia (che peraltro fu ideatore del Premio nell’anno rotariano 1997-1998), è stata
efficacemente e con estrema puntualità organizzata dal Presidente Giancarlo
Ciuffreda coadiuvato dal Delegato al Premio, il Past President Giovanni Pompa.
La cerimonia di premiazione si è svolta giovedì 21 marzo 2024 presso i locali del Tennis
Club Foggia alla presenza del Past Governor Nicola Maria Auciello.


Purtroppo assente, a causa di una lieve indisposizione, il Governatore del Distretto
Rotary 2120 Vincenzo Sassanelli che ha comunque fatto pervenire il proprio saluto ed
il messaggio augurale tramite il Presidente Giancarlo Ciuffreda che, quindi, dopo il
consueto rituale, ha aperto la serata evidenziando ai numerosi presenti (anche di altri
Club Rotary) le motivazioni del Premio con il sottostante obiettivo di una proficua
interazione con l’Università di Foggia attraverso le varie Facoltà che a rotazione
vengono individuate per partecipare al concorso.
A seguire ha dato la parola al Delegato Coordinatore al Premio, il Past President
Giovanni Pompa che, nel tracciare il profilo dell’indimenticato Sergio Di Gioia
(Presidente del Club nell’a.r. 1997-1998 e Governatore del Distretto 2120 Rotary
International nell’a.r. 2006-2006), è stato abilissimo a ricordare i momenti più
significativi in oltre mezzo secolo di militanza nel Rotary International, collaborato in
queste ricerche di foto d’archivio da Camillo Maruotti.


Momenti davvero toccanti che hanno commosso tutti, vecchi e nuovi Soci.
Passando all’argomento del Premio, Gianni Pompa ha evidenziato i punti salienti del
bando e la presenza di tutti i requisiti nelle tesi di Laurea in concorso che hanno
ottenuto il massimo punteggio di 110 e lode: “Rime Piacevoli di Gio.Battista Vitale da
Foggia” (autore il laureando Pierluigi Tibollo), “Donne in armi: Marfisa nell’Orlando
Furioso” (laureanda Aurora Gaia Di Cosmo), “Femina, dulce malum – Il ritratto della
mulier mala in Marbodo di Rennes” (laureanda Angela Zinco), “Giovanni Pascoli tra
attivismo politico e meditazione letteraria: prospettive di ricerca” (laureanda Maria
Tomaciello) e “Storia e controstorie dell’Unità d’Italia” (laureanda Flavia Foglia), con
quest’ultima alla fine prescelta per l’aggiudicazione del Premio del Rotary Club Foggia.

Note di merito e sintetiche motivazioni a sostegno della tesi premiata sono state
presentate dalla prof.ssa Rossella Palmieri (Professore Ordinario di Letteratura
Italiana, Delegata alla Cultura ed ai rapporti con il Territorio del Dipartimento di Studi
Umanistici dell’Università di Foggia), che si è anche soffermata a ricordare, oltre a
Sergio Di Gioia, il Past President Renzo Scarabello e la Prof.ssa Annamaria Casellato
Galasso, ed ha sottolineato l’importanza dell’anello di congiunzione tra Università e
Territorio che si esplica anche attraverso il ponte di connessione delle associazioni
come il Rotary.
Assente perché fuori sede l’altra rappresentante dell’ateneo, la Direttrice del
Dipartimento di Studi Umanistici Prof.ssa Barbara De Serio (Professore Ordinario di
Storia della Pedagogia, Direttrice del Dipartimento di Studi Umanistici, Lettere, Beni
Culturali, Scienze della Formazione dell’Università di Foggia), il Presidente Giancarlo
Ciuffreda è passato quindi a proclamare la vincitrice del Premio, Flavia Foglia che,
grata, ha ringraziato ed ha doverosamente illustrato gli aspetti fondamentali della sua
tesi improntata sulla sconfessione ormai largamente diffusa di fatti della storia
risorgimentale italiana e, forse un po’ “ardita”, in ipotesi di complotti internazionali e
di disegni di espansione sabauda. Insomma “bugie” sul Risorgimento e storiografie
accademiche sull’anti risorgimento.


Prima della conclusione della serata, l’intervento di Giulio Treggiari che, d’intesa con
il Presidente Giancarlo Ciuffreda e tutto il Consiglio Direttivo, ha proposto la nomina –
accolta per acclamazione – a Socio Onorario della dott.ssa Anna Maria Volpe Di Gioia,
già Major Donors, “figlia, moglie e madre” di rotariani.

Annamaria, presente attivamente nel club da oltre 50 anni con il suo contributo, ha
ricevuto il distintivo dal PDG Nicola Auciello tra gli applausi e l’affettuoso bentornata
di tutto il Club.

Michele Chiariello

Gli amici che non ti aspetti – Leggi Noci 25/03/2024

Gli amici che non ti aspetti a quattro zampe con gli I.A.A.

Leggi Noci By Valentina F. on 19 Marzo 2024


Gli alunni delle classi III^ A e B di scuola primaria dell’I.C. “Pascoli – Cappuccini” di Noci (Ba),
guidato dalla Dirigente scolastica Prof.ssa Silvana Antonia Sasanelli, lo scorso 22 febbraio si
sono recati presso il Centro I.A.A. (Interventi Assistiti con gli Animali) “Il Banco degli Asini” in
Alberobello (Ba) per vivere un’esperienza all’insegna della natura, del mondo animale e delle
relazioni positive che vi si instaurano e che consentono di approcciarsi a nuovi metodi di
apprendimento, cura e benessere: outdoor education, circondati da una natura pacata,
silenziosa ed accogliente. Gli alunni sono entrati a stretto contatto con cavalli, coniglietti, asini,
maialini e cagnolini, alcuni di questi individuati tra le specie che possono consentire percorsi
terapeutici e riabilitativi a bambini con Bisogni Educativi Speciali e non solo: la visita, infatti, è
giunta al termine di un significativo progetto pilota di inclusione scolastica in rete, che ha visto
protagonista una loro compagna, un’alunna di nove anni, prima destinataria a quell’età di
pratiche educative messe in campo dall’equipe interdisciplinare del centro anzidetto attraverso
un percorso di assistenza e cura di un animale individuato, secondo precisi requisiti, come “co
– terapeuta”. Vi sono evidenze scientifiche, a riguardo, che chiariscono gli effetti prodigiosi della
relazione uomo/animale nelle aree della socializzazione, della psiche, dei livelli cognitivo –
intellettivo, della comunicazione e della psicomotricità e che evidenziano come il contatto con
l’animale con obiettivi chiari e specifici non è una sostituzione alla terapia clinica, ma un
completamento di quest’ultima. Il Centro Specializzato in Interventi Assistiti con gli Animali
residenziali, primo in Provincia di Bari e primo in Italia presso un’istituzione scolastica, l’ I.I.S.S.
“ Basile Caramia Gigante” di Locorotondo – Alberobello, guidato dalla Dirigente scolastica
prof.ssa Angelinda Griseta, consente attraverso queste pratiche di interazione positiva con
l’animale di vivere un percorso introspettivo al fine di agganciare parti di sé sopite o nascoste,
di tracciare un “altro percorribile”. Il percorso si articola in dieci incontri presso l’azienda agraria
scolastica “Don Francesco Gigante” – coordinata dal Prof. Massimo Barnaba – e vede
impegnate le professionalità del Dott. Nicola Gigante, medico veterinario esperto in I.A.A e
lungimirante antesignano di questi processi di transfert, la prof.ssa Patrizia Convertini,
responsabile/referente I.A.A., la prof.ssa Mariella Miccolis referente per l’inclusione, i Sig.ri Luigi
Pugliese e Ivan Todisco, rispettivamente coadiutore asini e addestratore equini. Il progetto è
stato frutto di un sapiente lavoro di sinergia tra le istituzioni scolastiche coinvolte, nelle figure
delle Dirigenti scolastiche, della docente Funzione strumentale per l’inclusione e il benessere
Ins. Lazazzera e la docente di sostegno ins. Roberta Misto, coadiuvate da tutto il team di
insegnanti ed educatori di riferimento. Nulla sarebbe stato possibile senza il contributo del
Rotary Club Putignano Trulli e Grotte finanziatore del progetto, del Comune di Noci e dell’Ufficio
di Piano che hanno supportato con i necessari servizi e creduto nella valenza emotiva,
terapeutica, educativa, ludico – ricreativa e di socializzazione dell’intervento. L’animale
trasferisce sensazioni di tranquillità e relax e funge da catalizzatore sociale in un’ampia varietà
di ambienti sia a livello individuale che di gruppo, secondo un approccio bio – psico – sociale in
favore del benessere della Persona. Le istituzioni scolastiche, il territorio e gli Enti Locali hanno
mostrato il volto attento e inclusivo del servizio pubblico, impegnato nella potenza formativa
delle relazioni empatiche e nell’ampliamento delle competenze socialmente significative: la gioia
visibilmente manifestata dai bambini nell’esperienza di contatto con gli animali ne è una prova
palese!

Tutte le donne contano

Un bellissimo appuntamento tutto al femminile tenutosi venerdì 22 Aprile presso la sede del RCVenosa, in cui si è potuto declinare, il ruolo della donna nei vari ambiti, nella storia, con l’ingresso delle prime donne nel Rotary fino ai giorni nostri, nel mondo del lavoro e nei progetti del Rotary a favore delle donne e della parità di genere.

Una serata speciale, dal clima disteso piacevole a altamente formativo, grazie agli interventi curati e attenti condotti da ROSANNA MIOLLI
• Responsabile distrettuale del fondo di dotazione Rotary Assistente del Responsabile per l’ambiente Europa
RAFFAELLA PATIMO
• Docente di Economia del Lavoro dipartimento
Economia e Finanza Università di Bari”A. Moro” e
TERESA ASCIUTTO
• Past President RC Venosa
• Coordinatrice sportello d’ascolto Mariangela Latorre
La presidente di club Rossella Centrone attraverso un confronto – dibattito ha sottolineato che tanto è stato fatto dalle donne, ma moltissimo ancora c’è da fare, affinché si possa vedere le donne protagoniste nei vari ambiti.
Durante la serata, la presidente ha colto l’occasione di conferire la più alta onorificenza Rotariana, la Paul Harris Fellow, a Teresa Asciutto per aver concretizzato un service attraverso l’apertura dello sportello di ascolto Mariangela Latorre a Venosa, un progetto fatto di donne,di volontarie che si impegnano a favore di altre donne.
Ospiti graditi della serata il presidente del Rotary club Bari Ovest Carmine Clemente e il presidente Rotary club Ginosa Laterza Francesco Cantore



LA CENA DEL CUORE CON I BAMBINI DELL’ISTITUTO PIE OPERAIE DI SAN GIUSEPPE

Un appuntamento imperdibile per il Rotary Club Foggia, quello con i giovani ospiti delle comunità famiglia dell’Istituto Pie Operaie di San Giuseppe.

Ragazzi che vanno e vengono o che restano anni e anni della loro infanzia e giovinezza, ospiti delle amorevoli cure delle Suore perché, purtroppo, le loro famiglie non possono o non vogliono occuparsene.

Una tradizione consolidata negli anni che ha visto il nostro Club presente alla Befana con i doni personalizzati, a Pasqua per la cena e la consegna delle tradizionali uova, e in più periodi dell’anno, coinvolto nell’organizzazione di spettacoli di prestidigitazione e fantasisti per la gioia dei piccoli ma anche dei grandi e per trascorrere lieti momenti in compagnia.

Il loro più grande desiderio è uscire senza l’accompagnamento delle suore, si comprende, sono adolescenti e perciò li abbiamo invitati ad una serata in pizzeria con noi, a teatro più volte e abbiamo anche altri progetti.

Nel periodo del Covid la tradizione si era interrotta, naturalmente le restrizioni impedivano un andirivieni dall’Istituto ma non è mancato il supporto del Club con i buoni spesa e i nostri pensieri per i ragazzi.

Abbiamo coinvolto i nostri ragazzi dei Club Interact che un mese fa hanno raccolto viveri e prodotti sanitari per loro e stanno organizzando un service loro dedicato.

Ma questi bambini e giovani hanno bisogno soprattutto della nostra presenza, del nostro tempo e del nostro affetto, perciò, la cena annuale, tutti insieme, rimane un momento straordinario.

Giovedì 14 marzo eravamo in tantissimi soci, con il Presidente Giancarlo Ciuffreda e sua moglie Mariana e la Presidente dell’Interact “Foggia De Sanctis” Chiara Cenodemaj, accolti dalla Madre Superiora Sr Emanuela (insignita di una PHF dieci anni orsono per la sua opera meritoria) e la Madre Marta, Superiora Generale della Congregazione e da tutte le suore che con more e attenzione operano nell’Istituto e con le quali oramai abbiamo un rapporto di vera amicizia.

Il cibo è un pretesto per mescolarci, rotariani, bambini, giovani e suore…qualche socio ha portato il proprio figlio, i ragazzi integrati tra loro e con noi, molti studenti all’Istituto alberghiero hanno gareggiato nel mostrarci le loro competenze nel servizio di sala, come sommelier e come perfetti padroni di casa.

E, tra un piatto e l’altro, il cibo come ristoro dell’anima e nutriente dello spirito, scorrevano i racconti, le storie, le passioni e le speranze…come quella bambina pakistana che ha candidamente raccontato ai suoi commensali che per raggiungere l’Italia con i suoi genitori e i suoi quattro fratelli hanno attraversato dieci Paesi…sempre a piedi! e c’è il racconto del ragazzino che da anni vive qui e lo abbiamo ritrovato cresciuto…e i piccoli protetti in modo affettuoso dai più grandi o la bambina down che quando siamo andati via è scoppiata a piangere, vedendo la sala svuotarsi.

E poi c’è lei, la chiamerò Lucia (nome di fantasia) ormai di 25 anni, l’abbiamo conosciuta che ne aveva 15 e frequentava la scuola superiore e quando ha terminato gli studi non ha voluto abbandonare le suore ed è rimasta a lavorare per loro, pur vivendo ormai da sola. Ci ha tenuto a presentarmi il suo fidanzato e a raccontarmi delle compagne di allora, Maria (altro nome di fantasia) che dopo il liceo classico si è laureata e ora lavora ed altre che hanno intrapreso una strada di successo e di vita serena. e quando ricorda dei bei momenti trascorsi insieme, le si illuminano gli occhi e tu senti che non hai speso il tuo tempo e la tua vita invano anche se, di fronte a tanto amore, ti senti piccolissimo.

Se dovessimo riassumere in poche parole cos’è il Rotary…ecco cosa racconterei.

Il Rotary è anche questo.

Antonella Quarato

Progetto “UNA RACCHETTA PER LO SPORT-DALLA STRADA ALL’ORATORIO”

Il Rotary Club Foggia Umberto Giordano inaugura un progetto di educazione sportiva sostenuto dal crowdfunding locale

Foggia. Mercoledì 6 marzo 2024, presso l’Oratorio della Parrocchia San Paolo Apostolo, è stato ufficialmente presentato il progetto “Una racchetta per lo sport- Dalla strada all’Oratorio”, realizzato in collaborazione con l’Associazione Dilettantistica ADS Elpis e la Parrocchia San Paolo Apostolo di Foggia. Presenti gli Ass.re allo SPORT, Domenico Di Molfetta ed alle Politiche Sociali, Simona Mendolicchio, il Delegato Provinciale CONI, Renato Martino -socio del Club Rotary- il prof. Giovanni Menigrasso, Istruttore del TENNIS TAVOLO, la prof.ssa Floriana De Vivo -coordinatrice delle attività sportive e Nertil Macollari, Direttore del Centro Commerciale GrandApulia.

Ha condotto l’evento Sara Pacella, socia rotariana e giornalista, evidenziando che è stato possibile realizzare il Progetto grazie al sostegno ottenuto tramite un’iniziativa dedicata al mondo no-profit locale, ‘La comunità conta’, promossa dal Centro commerciale GrandApulia in collaborazione con Ginger Crowdfunding.

Il Presidente del RC Foggia Umberto Giordano, Nicola Cintoli, ha precisato che, superata la selezione, è stata lanciata una campagna di crowdfunding sulla piattaforma Ideaginger.it, che ha consentito di raccogliere fondi ‘dal basso’ per un totale di 4.500 euro, raggiungendo non solo l’obiettivo prefissato di formare 40 ragazzi dell’Oratorio con il supporto di due esperti, ma di acquistare materiale tecnico e sostenere i prossimi giochi estivi. Un sentito ringraziamento a tutti i sostenitori che hanno condiviso l’importate progetto di inclusione sociale rivolto a ragazzi del Quartiere CEP, stranieri e con disabilità.  

Emozionato il parroco don Antonio Menichella che ha ringraziato il Club Rotary per la stretta e costante collaborazione tessuta in questi anni, nei quali la Comunità è stata arricchita con progetti e iniziative rotariane di valenza umanitaria e sociale. Ultimo, il progetto Tennis Tavolo, che rappresenta un’altra tappa importante di impegno volto ad offrire agli adolescenti una via di fuga positiva, una fonte di ispirazione e di divertimento all’interno dell’oratorio.

Il programma è stato esposto dalla prof.ssa Floriana De Vivo, coordinatrice delle attività sportive, la quale ha sottolineato l’importanza dello Sport come mezzo di prevenzione di disagio e di inclusione sociale. L’obiettivo principale è colmare il gap socio-culturale presente nel territorio di Capitanata, per cui l’iniziativa offre un’opportunità di sviluppo e riscatto a chi proviene da contesti socio-economici più vulnerabili. L’Oratorio potrà contare su due Istruttori esperti per un periodo di 10 mesi, con incontri settimanali della durata di due ore. Oltre a offrire semplici lezioni sportive, si cercherà di costruire una rete di relazioni tra territorio, parrocchia, famiglie e associazioni, promuovendo valori, quali il rispetto delle regole, la lealtà verso gli avversari e la dedizione personale.

“Attraverso il supporto della comunità – ha commentato Maria Buono, referente del progettointendiamo promuovere lo Sport come strumento educativo e di inclusione sociale, contrastando le discriminazioni e favorendo la creazione di un ambiente di gioco e apprendimento positivo”.

Il Rotary, sempre pronto ad accettare nuove sfide!

IL RC CANOSA PREMIA LA CULTURA (E NON SOLO)

, , , , ,

 Una fantastica serata quella di domenica 10 marzo scorso, tenutasi al Teatro Comunale “R. Lembo” di Canosa di Puglia. Nell’ambito dell’iniziativa “Premia la Cultura”, proposta per l’ennesimo anno consecutivo dal Comune al fine di spronare i più giovani alla partecipazione ad attività di interesse particolare, come gli spettacoli teatrali della Stagione 2023-2024 organizzata in collaborazione con il Teatro Pubblico Pugliese, il Rotary Club di Canosa, sponsor dell’occasione, ha regalato una giornata difficilmente ripetibile alla classe 3a sez. G del Liceo Statale “E. Fermi”.

Si persegue uno degli obiettivi del Rotary: l’azione per i giovani, con lo scopo di esaltare le potenziali doti di leadership dei singoli. È stato infatti garantito loro un confronto esclusivo, emozionante ed indimenticabile proprio come quello di domenica.

“Quasi amici”, piéce che ha visto tra i protagonisti Massimo Ghini e Paolo Ruffini, è la storia (vera!) di un tetraplegico e del suo improvvisato badante. Un racconto assolutamente non banale o sentimentale: il rapporto di amicizia contenuto nel titolo è solo il preambolo alla profondità della reale inclusione, trattata non con la “pietas” ma con la libertà vissuta senza timore delle diversità, dei tabù o del politically correct.

Nell’anticamera che gli studenti hanno vissuto con gli attori, con l’assessore alla Cultura Cristina Saccinto e con il presidente di Club Leonardo Mangini, si è parlato principalmente di questi temi (oltre a ripercorrere, come ovvio, le carriere dei due volti tra i più noti del cinema italiano, con aneddoti e curiosità anche personali) che – non a caso – abbracciano anche altre vie d’azione della nostra associazione. Una volta “rotto il ghiaccio”, sono palesemente emerse l’umiltà, l’umanità e la delicatezza dei due esperti artisti, uniti da un forte legame anche fuori dai palcoscenici.

Per la gioia dei ragazzi che, tra l’altro, hanno ricevuto in dono il libro “Le donne della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani” della giornalista de La Gazzetta del Mezzogiorno Enrica Simonetti, già oggetto del service della signora Gabriella, consorte del nostro Governatore Vincenzo “Sax” Sassanelli, proprio a dimostrazione della trasversalità del Rotary su temi attuali e di attenzione sociale.

“Si può fare” Il RCVenosa inaugura le pensiline in occasione della Giornata Internazionale della Donna

“Si può Fare !” A Venosa inaugurate le pensiline in Via Armando Diaz in occasione della giornata internazionale della donna

Un altro importare obiettivo raggiunto per il Rotary club Venosa in collaborazione con il comune di Venosa e la BBC Appulo lucana, la realizzazione di sei pannelli raffiguranti le opere d’arte di Maria Ditaranto.
Ciascuna opera riporta l’indicazione degli otto traguardi previsti dall’obiettivo 5 dell’Agenda 2030 per lo Sviluppo Sostenibile “Raggiungere l’uguaglianza di genere ed emancipare tutte le donne e ragazze” corredate dallo slogan “Si può Fare!”.
“Lo slogan Si può fare! deve ricordarci che nonostante ci sia ancora tanto da fare ciò non è impossibile” ha così commentato la Presidente del Rotary club Venosa Rosa Centrone, “e il compito delle istituzioni, delle associazioni e della comunità intera deve cercare di garantire la piena ed effettiva partecipazione femminile e pari opportunità delle donne in ogni contesto sociale, culturale e lavorativo”.

Inaugurazione emozionante alla presenza di sua eccellenza Monsignor Rocco Talucci, della sindaca Marianna Iovanni e delle autorità delle forze dell’ordine, una rete di istituzioni, associazioni, enti.
“La scelta delle pensiline è funzionale all’individuazione di un target giovane che possano fare da cassa di risonanza e si propone con un linguaggio semplice e diretto, per aumentare la consapevolezza sui temi dei diritti delle donne e delle ragazze” ha così commentato la consigliera di parità di potenza Simona Bonito “e sensibilizzare la comunità intera sul gender gap nel mondo del lavoro e nella società intera”.
Il pomeriggio è proseguito con un approfondimento dal tema “Donne, città e arte: un esperimento sociale”, lo si è fatto con donne che hanno dato una chiave di lettura su cosa si possa davvero mettere in campo a favore delle donne. Interessante il tema approfondito da Federica d’Andrea direttrice della fondazione Potenza Futura dando spazio all’esperienza delle donne nel sociale e in tutto quello che si può fare nel terzo settore e quanto questo possa essere funzionale alla divulgazione dei temi sulla parità di genere e di inclusione.

Definire strategie significative per la progettazione e realizzazione di città a misura di donna il tema affrontato da Carla Sabia Vice Presidente Potenza Città delle Donne portando l’esempio di Vienna, città sempre più attenta alla parità di genere, a misura di donne e bambini. Nei pannelli collocati nella pensilina è stato riportato l’indicazione per usufruire dello sportello d’ascolto Mariangela Latorre contro la violenza sulle donne e la coordinatrice dello sportello, Teresa Asciutto, ha evidenziato di come in soli tre anni dall’apertura sono stati tanti gli accessi e le consulenze alle donne vittime di violenza.
La battaglia per l’uguaglianza, che ha visto impegnate generazioni di donne coraggiose, è ancora ben lungi dall’essere vinta, lo si può fare puntando sulla rete tra donne e istituzioni e associazioni in una chiave di progettualità positiva e lo si può fare con chi crede che tale cambiamento possa avvenire in tutti gli ambiti e occupandoci di parità sul campo tra la gente e per le donne.

Insieme per eradicare la Polio per sempre!

 

Giovedì 14 Marzo, con un grande evento musicale, “Il concerto del cuore”, il RC Brindisi Valesio, presieduto per l’a.r. 2023-2024 dall’Avv. Vittorio Piceci, intende dar vita ad una nuova occasione di raccolta fondi per la Rotary Foundation e per la lotta contro il poliovirus.

Aprirà il concerto il duo “Voci di luna” delle socie del RC Brindisi Valesio, Francesca Salvemini, al flauto, e Silvana Libardo, al pianoforte, che presenteranno il programma “Classic and movie music”, eseguendo celebri colonne del cinema italiano ed internazionale composte da musicisti del ‘900 come Nino Rota , Ennio Morricone, George Gershwin e brani classici come la virtuosistica “Sonata” di Gaetano Donizetti e il raffinato e appassionato “Concertino” op.107 della pianista e compositrice francese Cecile Chaminade.

Successivamente si esibirà il quintetto “The Zest”, formato dai musicisti rotariani Cosimo Mitrani, voce, Emanuele Dimundo, chitarra (RC Bitonto e Terre Dell’Olio) Gianvito Chiarello, basso, Giovanni Pergola, batteria (RC Bari Sud); Adriana De Serio, pianoforte (RC Bari).

I “The Zest” proporranno il programma “Swing and other”, itinerario musicale dagli anni ’30 agli anni ’70 del Novecento, che rispolvera i grandi successi dei più celebri e rappresentativi musicisti, cantanti, librettisti e cantautori; da Scott Joplin e Cole Porter a Paul Anka e John Lennon.

Una serata, perciò, all’insegna delle molteplici passioni del Rotary e dei Rotariani: solidarietà, cultura e condivisione!

Translate »