Categoria: News

Aria di festa per i primi 40 anni del Rotary Club Cerignola

, ,

Nella splendida cornice di Villa Demetra, sede sociale del club, il 17 Dicembre 2021, durante la tradizionale Festa degli Auguri, che ha riunito soci e ospiti, presentato e distribuito quale strenna natalizia il volume “Il Rotary a Cerignola. Da quarant’ anni al servizio del territorio“, curato dal dott. Nicola Pergola, con la prefazione del Governatore del Distretto 2120 Rotary, Gianvito Giannelli, e la presentazione del presidente del Club di Cerignola Francesco Dibiase. Il volume ripercorre, con il supporto del ricco materiale d’archivio, la storia del club e dei suoi rapporti con il territorio, nella ricorrenza del 40 esimo anniversario di fondazione a cura dell’avv. Paolo Pedarra.

Numerosi gli ospiti, tra i quali il Governatore del Distretto 2120 Rotary Gianvito Giannelli, il suo assistente per la Zona 5, Domenico Damato, Renata Montini e Luciano Magaldi, rispettivamente presidente e vice presidente del Club Foggia Umberto Giordano, Raffaella Carone, consigliera dello stesso club, S.E.R. mons. Luigi Renna, vescovo della diocesi di Cerignola – Ascoli Satriano, e l’on. Francesco Bonito, sindaco della città di Cerignola .

La serata, che si è svolta all’insegna del ” Servire per cambiare vite “, è iniziata con il discorso del presidente, Francesco Dibiase, che ha presentato i vari services del Club per il periodo natalizio, ed è poi proseguita con l’intervento del vescovo, mons. Renna, incentrato sulla necessità della prossimità agli ultimi, e del dott. Luciano Magaldi, che ha illustrato il progetto ” Una cittadella per la vita”, proposto dai club Rotary di Manfredonia e San Giovanni Rotondo.

Ha impreziosito la festa la consegna, da parte del Governatore Giannelli, dell’onorificenza Paul Harris Fellow ( PHF ) al socio Giusto Masiello – proposta dal presidente Dibiase con il parere unanime del Consiglio Direttivo del Club – per il suo generoso e discreto contributo in favore della popolazione durante il lockdown, non solo con generi di prima necessità, ma anche  con la donazione di presìdi sanitari fondamentali nella lotta al Covid 19 ( 3 ventilatori polmonari di ultimissima generazione e un emogasometro donati rispettivamente alle U.O. di Rianimazione – Covid e di UTIC – Cardiologia- Covid del presidio ospedaliero ” G. Tatarella ” di Cerignola.

Il Rotary offre l’opportunità di servire nei modi e negli ambiti in cui ognuno è più propenso. Il potere di un’azione combinata non conosce limiti ( Paul Harris ).

https://www.cerignolaviva.it/notizie/il-rotary-club-di-cerignola-compie-quarant-anni-pubblicato-un-volume-per-la-ricorrenza/

https://www.lanotiziaweb.it/2021/il-rotary-a-cerignola-da-quarantanni-al-servizio-del-territorio/

                         

Attenti agli inquinanti e contaminanti nella prima infanzia: il pediatra dr. Balducci al Rotary Club di Molfetta

, , , , , ,

Molti sottovalutano i pericoli di inquinanti e contaminanti nella prima infanzia, non considerando che questo è il periodo più a rischio e che alcuni veleni che il nostro organismo assorbe, soprattutto nei primi due anni di età, sono destinati a ripercuotersi per tutta la vita, con l’insorgenza di malattie gravi come i tumori.
Il silenzio degli innocenti bambini, che non hanno la possibilità di esporre i loro problemi, va, perciò, preso in considerazione dai genitori. Il cosiddetto “body burden”, ossia la quantità di sostanza chimica che si accumula nell’organismo nel corso del tempo, inizia già nella fase prenatale, prosegue durante l’allattamento e continua successivamente per tutta la vita con effetti anche post generazionali.
A mettere in guardia da questi rischi è stato il dr. Ottavio Balducci, pediatra e già assessore comunale ai servizi sociali nel corso di un incontro al Rotary Club di Molfetta che ha voluto fare il punto su un fenomeno poco conosciuto. In questi giorni – come ha detto il presidente del Rotary Felice de Sanctis -, l’attenzione dell’opinione pubblica è concentrata soprattutto sulle vaccinazioni Covid per i bambini, esposti anch’essi alla terribile pandemia che da due anni sta devastando il pianeta.
I bambini sono da sempre soggetti a rischio. L’industrializzazione e la modernizzazione hanno portato benessere e migliorato la qualità di vita, ma hanno determinato anche un notevole aumento degli inquinanti e ne hanno generato di nuovi, creando così nuovi rischi ambientali.
Nell’ambiente in cui viviamo è inevitabile il contatto quotidiano con sostanze inquinanti: ad alcune di esse non possiamo sfuggire o lo possiamo solo in parte, basti pensare all’inquinamento dell’aria nelle grandi città; ad altre possiamo però sottrarci con un’attenta condotta di vita, ad esempio non fumando, evitando pericolose esposizioni e scegliendo con più accuratezza i cibi con cui nutrirci.
Come è noto rispetto agli adulti i bambini hanno un più ampio rischio ambientale perché: il bambino “non capisce” o “non legge” la gravità del rischio (ascensore, traffico, fuoco, farmaci, incidenti domestici, giocattoli, cartelli di divieto, ecc.); vive in un mondo costruito per adulti; gli spazi e i giochi che gli sono riservati sono inadeguati.
«Il mese di dicembre il Rotary Internazionale concentra la sua attenzione su prevenzione e cura delle malattie, perciò ci è sembrato opportuno dedicare una serata all’approfondimento del tema degli inquinanti e contaminanti nella prima infanzia. Del resto molti di noi sono nonni, tanti sono genitori e siamo, perciò, molto sensibili a questo problema», ha concluso il presidente.
Il dr. Balducci, dopo aver elencato le principali fonti di sostanze tossiche per la salute (almeno 101 di cui 76 cancerogene) che possono essere presenti stabilmente nei nostri tessuti (diossine, pesticidi, arsenico, piombo e mercurio, e altre sostanze vietate da anni), ha ricordato che queste sostanze pericolose vengono immesse direttamente o indirettamente nell’aria, nell’acqua e resistono nel tempo alla biotrasformazione e si accumulano all’interno dell’organismo in concentrazioni superiori a quelle riscontrate nell’ambiente circostante.
Ma i pericoli non sono solo all’esterno, ma anche nelle abitazioni e nei nostri stili di vita. Tra gli inquinamenti indoor, vanno considerate anche le onde elettromagnetiche e l’inquinamento del suolo e delle acque. Uno degli inquinamenti più importanti in Italia è avvenuto proprio nella nostra Puglia con l’Ilva di Taranto con queste percentuali di mortalità e incidenza oncologica: +21% di mortalità infantile rispetto alla media regionale; +54% di tumori in bambini da 0 a 14 anni; +20% di eccesso di mortalità nel primo anno di vita; +45% di malattie iniziate già durante la gestazione.
Anche il reddito incide sulle patologie respiratorie con percentuali che vanno dal 57% delle popolazioni a basso reddito a quelle molto più ridotte in quelle ad alto reddito, appena il 13%.
Infine il dr. Balducci ha offerto 8 consigli ai genitori: La casa è il primo luogo da bonificare dagli inquinanti. Anche l’alimentazione può essere fonte di inquinanti e contaminanti tossici. Fino ai due anni del bambino meglio il baby food in quanto attualmente sono i più controllati e sottoposti a sempre maggiori restrizioni sull’ammissibilità dei contaminanti e sui limiti massimi di residui ammessi. Evitare le diete monotone che non garantiscono il giusto apporto di macro e micronutrienti ed espongono maggiormente al rischio di assimilare contaminanti alimentari. Porre attenzione alle preparazioni domestiche che devono garantire, la qualità delle materie prime, l’igiene, la necessaria sterilità, l’idonea cottura e conservazione. Per i prodotti freschi come frutta e verdure è preferibile il biologico, le filiere corte (km 0) e controllate rispettando la stagionalità. Eliminiamo la buccia dalla frutta per evitare il rischio di ingerire pesticidi. Evitare cibi con conservanti e nitrati spesso presenti nei salumi.
Ma anche i futuri genitori devono fare attenzione. Ecco 7 consigli per loro: Quando si inizia anche solo a pensare ad una gravidanza, la coppia dovrebbe fare una revisione del proprio stile di vita per cambiare le abitudini meno salutari almeno 6 mesi prima. Smettere di fumare. No uso di droghe. Limitare ad un uso occasionale l’assunzione di piccole quantità di alcol e di caffè. Fare esercizio fisico e mantenere sotto controllo il peso. Evitare il contatto con sostanze tossiche in casa, in giardino e nei luoghi di lavoro. Ridurre l’esposizione alle radiazione da dispositivi elettronici. Adottare la Dieta Mediterranea evitando diete monotone e il cibo spazzatura. Per i prodotti freschi come frutta e verdure è preferibile il biologico, le filiere controllate e rispettando la stagionalità. Ridurre nella dieta l’assunzione di carne e pesce di grossa taglia e di cibi con conservanti.

Il segretario del Club, Vito Valente, il presidente Felice de Sanctis e il relatore dr. Ottavio Balducci
Il presidente Felice de Sanctis consegna il gagliardetto del Club al dr. Balducci

“TRADIZIONE E FUTURO”, ESSENZE DELLA FESTA DEGLI AUGURI AL ROTARY CLUB FOGGIA

, ,

Nello spirito del motto adottato dal Presidente dell’anno rotariano 2021-2022, anche la Festa degli Auguri di Natale del Rotary Club Foggia, svoltasi il 17 dicembre presso la Sala Ricevimenti “Corte Corona”, è stata improntata a “Tradizione e futuro”, come efficacemente e con grande sentimento auspicato dal Presidente Agostinacchio che ha indirizzato ai soci una significativa lettera, bella e ricca di contenuti utili per spunti di riflessione.

L’elegante serata, aperta secondo il protocollo rotariano, è proseguita con i saluti alle autorità rotariane presenti (il PDG Sergio Di Gioia, l’Assistente del Governatore Giulio Treggiari con la moglie Antonella Quarato – Socia nonché componente dello Staff del Governatore, il DGE Nicola Auciello con la coniuge Anna, la Presidente dell’Inner Wheel Foggia Irene Bonassisa con il marito Gianni Campanella, anch’egli socio).

Il Presidente Agostinacchio ha poi dato la parola al Past President Francesco Corvelli che, rimanendo in tema di “tradizione”, ha esibito e consegnato al commosso Camillo Maruotti un “reperto storico”, risalente al 1998, il cosiddetto “Rotario visitante” (compilato appunto da Francesco Corvelli in qualità di segretario del Rotary Club Foggia, all’epoca presieduto da Sergio Di Gioia) a nome del Socio Francesco Maruotti (padre di Camillo) che con la moglie si recò in visita al Rotary Club di Santo Domingo della Vista per donare a quella comunità, per conto della propria famiglia, una statuetta raffigurante Padre Pio. Il documento, controfirmato e restituito, attesta appunto tale avvenimento.

Di seguito, il Presidente Paolo Agostinacchio, nel richiamarsi ai contenuti della sua lettera ai soci, ha fatto riferimento alla serata dello scorso 9 dicembre e così citato: “il professore Gregorio Vivaldelli si è soffermato sulla “Selva Oscura” e sul superamento delle difficoltà da parte di ciascuno di noi, indicando il percorso verso Maria nella cantica del paradiso; con dotta argomentazione sulla incarnazione di Dio con la nascita di Gesù”, proseguendo poi con la riflessione “Stiamo vivendo ancora, purtroppo, il triste periodo della pandemia, che, se pure limitata negli effetti della vaccinazione, continua a mietere vittime; la “Selva Oscura” dei nostri tempi caratterizzata da emergenza sanitaria e economica” e che “Il Santo Natale, che non è soltanto festa liturgica, assume in questo contesto un significato particolare di speranza per il futuro: la speranza che viene dalla fede ed è riposta in Dio, che si è fatto uomo, facendosi carico delle nostre debolezze e superandole con l’alto messaggio divino”, e nella conclusione dicendosi certo “che dal Natale trarremo speranza e forza per affrontare i disagi del momento, certo, auguro serenità e un felice trascorrere delle festività a tutti voi e alle vostre famiglie”.

Parole che rappresentano la sintesi delle problematiche e delle relative difficoltà del momento, insieme all’impegno di tenere sempre viva la fiamma della speranza, seguendo così il percorso “Tradizione e futuro”, speranzosi nei migliori auspici portati dal nuovo anno ormai vicino, come augurato dal Presidente a Socie e Soci ed alle rispettive famiglie.

E’ seguito l’intervento di Giulio Treggiari, Assistente del Governatore del Distretto 2120 Gianvito Giannelli, per conto del quale ha rivolto il messaggio augurale per le prossime festività (contestualmente ricambiato da tutto il Rotary Club Foggia) ed ha anche rinnovato il ringraziamento personale e della moglie Lilly per la splendida serata trascorsa il 9 dicembre presso il teatro “Umberto Giordano” con il Prof. Gregorio Vivaldelli in occasione della manifestazione per il 700° anniversario della morte di Dante abbinata alla raccolta fondi pro campagna internazionale “End Polio Now”.

Giulio Treggiari, infine, ha illustrato l’iniziativa “Green Lottery”, indetta dal Distretto 2120 “Puglia-Basilicata” e dalla Fondazione Rotary, fundraising finalizzato al Fondo Annuale Programmi della Fondazione Rotary.

Prima del brindisi e lo scambio degli auguri, il dono di un simbolo del Natale alle ospiti. Infine la serata è proseguita con la tradizionale conviviale ed i gradevoli intermezzi musicali della violinista Dea De Feo accompagnata dal dj. Alex.

Michele Chiariello

 

R.C. Bari Sud, cerimonia per la consegna del premio “Mario La Pesa”

,

Anche quest’anno il Rotary Club Bari Sud ha onorato un appuntamento ormai ultra ventennale, che vede la consegna di un premio agli orfani di militari dell’Arma dei Carabinieri morti prematuramente.

Il Presidente del RC Bari Sud Giancarlo Chiaia lo ha consegnato al minore dei tre figli dell’Appuntato Scelto Giuseppe Tangari, morto a Pozzallo lo scorso mese di agosto all’età di 45 anni a causa di un infarto sopraggiunto durante il servizio di ordine pubblico connesso con lo sbarco di migranti.

Tutto questo testimonia il forte legame tra l’Arma e il Rotary Bari Sud, ha sottolineato il Generale Stefano Spagnol, Comandante della Legione CC Puglia, che ha anche ricordato come la cerimonia odierna sia stata anticipata rispetto alla solita cadenza primaverile per essere certi di poterla svolgere in presenza, visto il riaccendersi dei contagi da Covid.

Ad arricchire l’interesse della serata, una puntuale e documentata ricostruzione dell’operato dei Carabinieri nel periodo della prima guerra mondiale, con la conferenza del Col. Alessandro Della Nebbia, Capo di Stato Maggiore della Legione, dal titolo “I Carabinieri e la grande guerra. A cento anni dalla tumulazione del milite ignoto”.

Francesco Giordano

Un dono per un Natale migliore

, , ,

“Un dono per un Natale migliore”

Service del Rotary Club Trani

Trani, 19 Dicembre 2021

 

In soccorso degli indigenti, il Rotary Club Trani ha donato ieri sera una importante quantità di derrate alimentari alla Caritas della Parrocchia Santo Spirito di Trani. Il Parroco, Don Mimmo Gramegna ha accolto con gratitudine oltre una tonnellata e mezza di cibi e più di 200 litri di succhi di frutta, che  serviranno ad alleviare le necessità dei nostri fratelli meno fortunati. Al termine della Messa, Don Mimmo ha salutato e ringraziato il Rotary assieme alla Consigliera Regionale Debora Ciliento. Il Presidente del Rotary Club Trani, Pasquale Vilella, ha poi spiegato come lui e il Consiglio Direttivo abbiano deciso, quest’anno, di organizzare una Festa degli Auguri in semplicità, utilizzando la somma di denaro risparmiata per l’acquisto di generi di prima necessità per famiglie bisognose. A questa iniziativa di solidarietà hanno dato un generosissimo apporto le aziende: Bell Italia Srl, Gielle Srl, Pastificio Riscossa F.lli Mastromauro S.p.A, Quinto Group Srl e Tatò Paride S.p.A. Mastercoop Alleanza 3.0., che il Rotary ringrazia sentitamente. Durante la Messa, Don Mimmo, nell’omelia, aveva parlato di come, ognuno di noi, debba rispondere alla sua vocazione individuale: il R.C. Trani, in questo caso, si è ispirato al detto di Madre Teresa di Calcutta: “ E’ Natale ogni volta che permetti a Dio di amare gli altri attraverso te”.

Il Governatore Giannelli del Distretto Rotary di Puglia e Basilicata in visita a Senise

,

Il Governatore del Distretto Rotary di Puglia e Basilicata, Gianvito Giannelli, è stato in visita ufficiale a Senise, al Rotary Club Senise Sinnia, uno dei 57 club del Distretto 2120.

La visita del Governatore è uno degli eventi più importanti dell’Anno Rotariano ed è utile non solo per intensificare i rapporti con i club ma soprattutto per conoscere da vicino le problematiche che insieme si possono affrontare.

Giannelli, giurista e accademico, è stato accolto dal presidente del club senisese, l’Ing. Domenico Totaro, in uno scambio reciproco e intenso di programmi e intenti.

«Il Governatore ha mostrato molta soddisfazione per la ripresa delle attività del nostro club – ha spiegato Totaro – nel nostro incontro sono state tante le tematiche affrontate, tutti i progetti distrettuali da quelli sulla scuola, alla pandemia, fino alle tante iniziative culturali che il distretto porta avanti».

Presente all’incontro un gruppo di giovani professionisti e universitari, coordinato dalla studentessa Marianna Melfi, che già da un po’ di tempo seguono con attenzione le iniziative rotariane del club senisese e sono ora più che mai interessati ad avvicinarsi al mondo rotariano con la scommessa di far nascere da qui a poco anche il gruppo Rotaract del Senisese.

Il Governatore, nel breve e riservato incontro, si è felicemente compiaciuto della presenza offrendo massima disponibilità del Distretto ad ascoltare e collaborare con le iniziative che intendono portare avanti.

Il presidente Totaro ha inoltre dato il benvenuto e presentato al Governatore il già socio rotariano l’avv. Italo Grillo trasferitosi da altro club per unirsi e lavorare insieme nell’attivo Club Senise Sinnia.

Tante le sollecitazioni arrivate dall’assemblea, molti gli interventi e gli spunti sulle future attività da parte del club senisese in materia di sanità, di ambiente e di sociale.

Durante la visita del Governatore è stata ufficializzato l’ingresso nel club della nuova socia Vittoria Franchino, imprenditrice senisese. Inoltre al prof. Filippo Gazzaneo e al dottor Giuseppe Caggiano è stato assegnato l’importante riconoscimento delle stelle Paul Harris, che vengono assegnate a rotariani e non che si distinguono per i loro meriti.

Nel corso dei saluti finali la consorte del Governatore ha illustrato il suo progetto di service dal titolo: un cuore per la Giustizia.

L’iniziativa si propone di installare presso ciascuna sede giudiziaria all’interno del Distretto Rotary 2120 un defibrillatore.

Si tratta di una esigenza molto sentita tra gli operatori della giustizia, tenendo presente che la maggior parte (se non tutte) le sedi giudiziarie mancano di apparecchiature di questo tipo.

Il progetto prevede non solo la fornitura dei dispositivi, ma anche la formazione degli utenti grazie alla collaborazione dei soci alcuni dei quali che hanno già dato la loro disponibilità.

SERATA AL ROTARY CLUB FOGGIA CON GREGORIO VIVALDELLI E LA LOTTA CONTRO LA POLIO

, , ,

La divinità di Maria ed insieme la sua umanità fuse in un appassionante ed appassionato racconto del Prof. Gregorio Vivaldelli sul palcoscenico del teatro “Umberto Giordano” durante una bellissima manifestazione svoltasi il 9 dicembre 2021 ed organizzata dal Rotary Club Foggia per ricordare i 700 anni dalla morte del sommo poeta, abbinando l’evento culturale alla raccolta fondi per la campagna internazionale per l’eradicazione della poliomelite “End Polio Now” della Rotary Foundation come illustrato – dopo i ringraziamenti ed i saluti formulati alle autorità rotariane, civili e religiose ed ai presenti tutti – nel discorso di apertura del Presidente Paolo Agostinacchio che con raffinato eloquio ha rappresentato il padre della Patria e della lingua italiana autore dell’opera definita capolavoro della letteratura mondiale, citandone alcuni significativi passi tratti dal Canto VI del Purgatorio.

Ha poi dato la parola al Governatore del Distretto Rotary 2120, Gianvito Giannelli, che ha espresso elogi per la brillante duplice iniziativa in una serata condotta dalla impeccabile Antonella Quarato – in perfetta sintonia nel ruolo di presentatrice dell’evento su un tema “elevato e sublime” – che si è anche avvalsa della proiezione di un video per una breve descrizione della campagna internazionale giunta quasi al successo conclusivo.

Un evento dedicato alla Donna, come riportato dal titolo “Donna, se’ tanto grande”, ed in particolare alla Madre (Maria nella Divina Commedia presente nelle tre Cantiche) attraverso un percorso compiuto da Dante che nel suo cammino viene accompagnato da tre guide: Virgilio, Beatrice e San Bernardo di Chiaravalle.

Il Prof. Vivaldelli, per la seconda volta ospite del Rotary Club Foggia nel prestigioso teatro “Giordano”, descrive partendo dalla “selva oscura” dove aleggia la paura per mancanze di prospettive e di speranze e con ciò collegandosi a fenomeni, sentimenti e stati emotivi provocati dalla recente pandemia da Covid a dimostrazione che contenuti e significati della Divina Commedia sono sempre attuali. Così l’esortazione a farsi aiutare per uscire da questa “selva oscura”, superare le nostre fragilità ed essere migliori di quanto lo siamo oggi, avere il coraggio della speranza e guardare con fiducia al futuro.

Anche nel Purgatorio è descritta la presenza di Maria, bellezza della bellezza, modello di virtù, in contrapposizione di esempi di vizi. Così il Prof. Gregorio Vivaldelli, biblista e saggista di fama internazionale, prosegue la narrazione con riferimenti alla vita reale quando racconta delle sette cornici (che rappresentano i peccati capitali) per superare le quali l’uomo deve capire come liberarsi dal vizio di ciascuna cornice e che “tutto ciò che percepiamo senza fare fatica è priva di valore”.

Infine, volando di cielo in cielo del Paradiso, Dante rivela di invocare mattina e sera “la rosa, il bel fiore (Maria) in che il verbo divino in carne si fece”, quindi immergendosi nella grande bellezza della preghiera che San Bernardo rivolge alla Madre di Dio, custode di misericordia, pietà e magnificenza, nell’ultimo canto del Paradiso. Qui il Prof. Vivaldelli, continuando anche ad avvalersi della proiezione di immagini di opere pittoriche e scultoree brillantemente commentate per rendere più aderente la visione alla descrizione dei riferimenti, si sofferma sui sublimi versi poetici e teologici: “Vergine Madre, figlia del tuo figlio, umile e alta più che creatura, termine fisso d’etterno consiglio”, ad attestare il valore dell’eternità nel grembo di Maria.

L’approdo del viaggio di Dante è la libertà cercata, esaudita con la visione della Trinità, con Vivaldelli che chiude e urlando incita: “Buon cammino a tutti!”.

Conclude il lungo applauso di un pubblico grato che porta a casa riflessioni su cui vale la pena soffermarsi più frequentemente.

Michele Chiariello

Il Rotary Club Senise-Sinnia espone la mostra d’arte di Salvador Dali’ 34 Xilografie Originali sull’Inferno di Dante

, , ,

Il Rotary Club Senise-Sinnia in collaborazione con il Comune di Senise e la Cooperativa Auxilium espone la mostra d’Arte di 34 Xilografia originali sull’Inferno di Dante a cura della Ferrara Art Gallery.

La mostra rimarrà esposta fino a Gennaio 2022 presso il Complesso Monumentale San Francesco Senise (Pz), nella sala al primo piano.

La mostra sara’ nuovamente visitabile nei seguenti giorni:
Martedi’ 04 Gennaio 2022 ore 17:30-19:00
Venerdi’ 07 Gennaio 2022 ore 17:30-19:00
Sabato 08 Gennaio 2022 ore 17:30-19:00
Domenica 09 Gennaio 2022 ore 10:30 -12:00

ORARIO VISITA MOSTRA

LUN-SAB : 17:30-19:00
DOM : 10:30-12:00

Per informazioni e prenotazioni speciali potete contattarci tramite messaggio sulla pagina facebook del Rotary Club Senise-Sinnia.

“Il Libano sull’orlo del baratro” Riunione del R.C. Bari Sud del 08.11.2021 presso il Ciheam

Riunione del R.C. Bari Sud del 08.11.2021 presso il Ciheam

<<il Libano sull’orlo del baratro>>

Moderatore: dott.Maurizio Raeli, direttore del Ciheam

Relatori: dott.ssa Roula Kadra, funzionaria internazionale del Ciheam e componente del board dei Governatori del Consiglio arabo dell’acqua,dott. prof. Maroun El Mouyabber, funzionario internazionale Ciheam, Riccardo Cristiano, già corrispondente RAI per il medioriente e analista delle dinamiche geopolitiche di questa regione.

 

Serata molto bella, ricca di spunti di riflessione e anche di forti emozioni. Allietata, all’inizio, dall’ingresso di un nuovo socio, l’avv. Sebastiano Cicchelli, presentato da Nicola Nuzzolese.

A introdurre l’argomento della riunione il presidente del club, Giancarlo Chiaia, il quale ha definito “testimoni di eccezione di una situazione drammatica” i due relatori Roula Kadra e Maroun El Mouyabber.

I relatori hanno raccontato di una realtà libanese, una volta ricca e prospera, che ora sta crollando anche perché i libanesi, come ha detto Roula, questa volta non riescono a fare abbastanza per il Libano.

Di fronte all’indifferenza e alla cecità della politica, (non a caso il Governatore Gianvito Giannelli ha parlato di “ politica europea miope”, nelle sue conclusioni) toccherà ancora una volta al Rotary mettere in campo iniziative concrete di aiuto.

E così il presidente Chiaia, cogliendo il suggerimento del socio Valentino Valentini, ha proposto di organizzare un service a favore del popolo libanese che veda coinvolti tutti i club del distretto.

Il direttore del Ciheam, Maurizio Raeli, ha tracciato la storia del lungo rapporto di cooperazione tra il CIHEAM e il Libano.

Il giornalista Riccardo Cristiano, partendo dalla storia dei vecchi imperi mediorientali, ha spiegato le ragioni per cui molte nazioni operano per la destabilizzazione del Libano.

Francesco Giordano

I club metropolitani di Bari ancora in aiuto dei profughi afgani rifugiati in Italia

“Un’operazione di solidarietà concreta” è la giusta definizione data a questo service da Giancarlo Chiaia, presidente del RC Bari Sud.

Operazione nel più perfetto spirito rotariano in quanto vede coinvolti tutti i cinque Rotary Club della città di Bari, come sempre in prima fila quando bisogna mettere in atto iniziative di concreta e fattiva vicinanza a chi sta vivendo momenti di sofferenza.

Francesco Giordano