Conversazione su “Federico II: Il potere imperiale – L’architettura”

Si terrà Giovedì 14 maggio alle ore 20.30, la conversazione su “Federico II: Il potere imperiale – L’architettura”. Relatore sarà il Prof. Giambattista De Tommasi.

Un evento atteso da tutti i Soci del Club Andria-Castelli Svevi pronti a prender parte alla conversazione del Prof. De Tommasi online sulla piattaforma Zoom, causa emergenza Covid-19.

Un curriculum, quello del Prof. De Tommasi, ricco di comprovata esperienza universitaria.

Laureato in Ingegneria civile edile nel 1968 è diventato professore Ordinario di “Architettura Tecnica” al Politecnico di Bari e docente di “Restauro Architettonico” nel CdL in Ingegneria edile–architettura. Attualmente opera nel campo del restauro e del recupero come libero professionista.

Ecco la sua attività accademica:

  • 2012-2014 Membro della Giunta del Dipartimento e Componente del Dottorato di Ricerca in “Ingegneria Civile, Ambientale, del Territorio, Edile e in Chimica” del Politecnico di Bari;
  • 2005 – 2013 Coordinatore del Dottorato di Ricerca in Ingegneria e Direttore del Dipartimento di Architettura e Urbanistica del Politecnico di Bari;
  • 2004 – 2009 Presidente del Consiglio Unitario di Classe di Ingegneria Edile- Architettura del Politecnico di Bari;
    1992 – 2014 Docente di “Building Refurbishment” al Master Europeo “European Construction”. Università consociate: Universidad de Cantabria (E), Universidad Politecnica de Valencia (E), Universidade do Porto (P), Politecnico di Bari (I), University of Applied Science Glessen-Friedberg (D), Hochschule 21 (D), VIA University College (DK), E.S.I.T.C. Caen (F);
  • 1997 – 2014 Professore ordinario di “Architettura Tecnica” (ICAR/10) con carico didattico principale in: “Restauro architettonico”
    1993 – 2000 Docente di “Storia e Tecnica del Restauro” presso la Scuola di Specializzazione in Archeologia dell’Università della Basilicata – Matera;
  • Dal 1974 al 1985 funzionario della Soprintendenza per i Beni AAAS della Puglia, che lasciò con la qualifica di “Soprintendente aggiunto”;
  • 2012 – 2014: Componente della Commissione per l’Abilitazione Scientifica Nazionale nel settore Area 08 Settore concorsuale 08/C1 (ICAR/10, ICAR/11, ICAR/12, ICAR/13);
  • 2012 – 2014 Componente del Presidio di Qualità del Politecnico di Bari;
  • 2011-2012: Componente della Commissione per la Valutazione della Qualità della Ricerca (VQR 2004-2010);
  • Dal 2003 socio dell’Accademia Pugliese delle Scienze;
  • 2006 – 2012 Presidente del Consiglio Scientifico Nazionale dell’Istituto Nazionale dei Castelli;
  • 2004-2007 Presidente dell’Istituto Nazionale dei Castelli sez. Puglia;
  • 1994 e tuttora componente del Consiglio Scientifico Nazionale dell’Istituto Italiano dei Castelli;
  • 1993 e tuttora componente in qualità di esperto del Comitato Tecnico Amministrativo del Provveditorato Regionale alle OO.PP. per la Puglia.

È autore, inoltre, di oltre 90 pubblicazioni e/o contributi presentati a convegni nazionali e internazionali, tra cui si annoverano i volumi:

  1. De Tommasi, F. Fatiguso. L’edilizia a struttura mista dei primi del ‘900: Procedure e Interventi per la conservazione e manutenzione, Adda Editore, Bari, 2008, ISBN: 9788880827542.
  2. De Tommasi, “Qualita’ prestazionali per il recupero dell’edilizia storica. Una proposta metodologica per un codice di pratica.” – Quaderno DAU Politecnico di Bari, ADDA Editore, Bari, 2001, ISBN: 88-8082-415-5.
  3. De Tommasi, “Su i “parametri” dei costi del recupero”, documentazione didattica n 33 del Dipartimento di Architettura e Urbanistica del Politecnico di Bari, Adda Editore, Bari 1992.
  4. De Tommasi, “Abusivismo edilizio: analisi tipologica e parametri dell’abitabilità per il progetto di recupero”. Quaderno n. 31 del Dipartimenti di Architettura e Urbanistica del Politecnico di Bari, Adda editore – Bari 1992.
  5. AA.VV., “Viaggio in Provincia” (Curatore dell’opera per il settore “Castelli, Torri, Città murate (pp. 280-333) e autore di numerosi contributi). – Biblos edizioni, Cittadella di Padova, 1991
  6. VV., “Castel del Monte” (autore della monografia “I restauri tra leggenda e realtà” – pp. 101-144) – Adda editore – Bari 1989
  7. AA.VV., “Restauri in Puglia 1971-1983”. (vol. II). (Autore dei contributi: Castel del Monte (20-33), Cripta di S. Croce (42-44), Castello di Bari (54-76), Barletta: il Colosso (111-120), Bitonto: Chiesa di S. Caterina (145-154), Canosa: Basilica di S. Leucio (155-157), Mola: Castello (178-182), Sannicandro: Castello (203-217), Trani: Castello (228-247), Trani: Cattedrale (246-259), Cerignola: Chiesa di S. Francesco (277-285), Foggia: Chiesa di monte Calvario (290-294), Manfredonia: Castello (312-316), Monte S. Angelo: Chiesa di S. Maria Maggiore (331-339), Otranto: Cattedrale (459-461)).- Schena Editore, Fasano (BR) 1983

E’ stato progettista e/o direttore dei lavori di numerosi interventi di restauro di beni monumentali di straordinario interesse, tra cui:

Castel del Monte di Andria, Castello di Sannicandro di Bari,  Castello di Mola di Bari, ex Convento di S.Chiara in Mola di Bari,
Cittadella Nicolaiana a Bari (Basilica di S. Nicola, Museo, Convento, Lapidario e Biblioteca), Castello di Bari, ex Centro Annonario in Bari, oggi sede dell’Archivio di Stato e della Biblioteca Nazionale, Edificio dell’attuale Facoltà̀ di Lingue dell’Università̀ di Bari,
Statua bronzea del Colosso di Barletta, di cui è appena terminato un lotto di lavori di manutenzione straordinaria e monitoraggio e controllo per il quale è stato Consulente Scientifico, Castello e Cattedrale di Trani, Cattedrale di Vieste, Area archeologica di Canne della Battaglia (Barletta), Area archeologica di Egnazia, Castel Lagopesole, Palazzo Filiasi a Foggia, Castello di Manfredonia.

Il curriculum rotariano del Dott. De Tommasi dimostra la sua grande e proficua attività per il Rotary Club.

Ammesso a far parte del RC Bari il 5 maggio 1987, ha privilegiato, nell’ambito delle molteplici attività rotariane, gli aspetti relativi alla formazione ed al sostegno delle giovani generazioni, come – il Ryla, lo scambio dei gruppi di studio, il tutoraggio – collaborando, progettando e realizzando azioni e services di particolare impatto e di forte significato simbolico ed operativo.

Gli incarichi più significativi, ricoperti nel corso di 33 anni di vita rotariana:

  • Presidente del Club Rotary Bari nell’anno 2001/02;
  • 1993/2001 Incarico nella Commissione RYLA di Docente, di Vice Presidente e di Presidente;
  • 2003-04  Assistente del Governatore per il Gruppo 5 (i 5 club metropolitani di Bari;
  • 2004-05  Coordinatore Azione N.G. – Tutor ambasciatrice del Rotary Yuko Makishima;
  • 2005-06  Delegato Comitato Inter-paese Italia-Russia  Delegato per la ricerca sull’attività e l’immagine del Distretto;
  • 2008 -09 Governatore Distretto 2120 e Coordinatore Progetto Interdistrettuale Nazionale Rotaryenfasi 2009
  • 2009 -2010  Membro Consulta PDG;
  • 2010 -11 Rappresentante del Presidente internazionale al Congresso Distrettuale del Distretto 2100;
  • 2011-14  Istruttore Distrettuale;
  • 2015-16  Coordinatore commissioni azione pubblico interesse;
  • 2016-18 Assistente Coordinatore Regionale Rotary Foundation (ARRFC) zona 12 e 13B  –  Coordinatore commissioni azione pubblico interesse;
  • 2017-19  Componente Commissione premio Interdistrettuale ETIC;
  • 2019-20  Coordinatore Commissioni Azione Interna.

Ideatore del Progetto Interdistrettuale Rotaryenfasi2009, con la partecipazione di otto dei dieci Distretti italiani, che ha portato al finanziamento di tre progetti di ricerca, elaborati da giovani laureati, borsisti, assegnisti delle Università italiane, tutti conclusi con risultati eccellenti, per un totale di € 80.000,00. Identicamente, utilizzando le somme residue del suo anno apicale del Distretto (per € 28.000,00) ha organizzato il Progetto Distrettuale 2120 Rotaryenfasi finanziando altri due progetti di ricerca. Nell’anno di servizio apicale ha portato il Distretto 2120 ad essere il maggiore dei contribuenti tra i distretti italiani per la RF.

E’ stato insignito di n.9 PHF del Club e distrettuali ed è socio benefattore. 

Nulla dunque può fermare la piena attività del Rotary Club Andria Castelli Svevi pronto ad affrontare un tema importante dal punto di vista storico. Federico II gestiva accortamente l’immagine imperiale. I ritratti, le sculture, l’iconografia in senso lato di un monarca che aveva una concezione divina del potere temporale, e aveva anche un culto dell’immagine somigliante al concetto che ne hanno gli uomini politici a noi contemporanei, non possono dissolversi nella nebbia dei secoli.

Per poter partecipare a questo interessante evento, sarà necessario connettersi sulla piattaforma di video conference Zoom inserendo i seguenti riferimenti:

Meeting ID: 828 5317 9825

Password: 9DUTgj

Un appuntamento a cui non poter mancare!

Condividi su