ROTARY CLUB TRANI PRIMO ROTARY FIDELITY DAY 31 AGOSTO 2021

IMG_4153.jpg

Un successo strepitoso è stata la serata del 31 agosto al Rotary Club Trani per il primo Rotary Fidelity Day. E’ stato, infatti, istituito un premio speciale ai Soci di più lunga data, che, al compimento del quinto, del decimo o successivi anni, di cinque in cinque, di appartenenza al Club, riceveranno un attestato di benemerenza. Un’idea, questa, che è stata particolarmente apprezzata da tutti i presenti, perché non solo rappresenta un riconoscimento all’impegno dei Soci nel tempo, ma anche rinsalda le tradizioni e l’amicizia rotariana.

Come sempre, l’incontro ha avuto inizio con i saluti istituzionali fatti dal Segretario del Club, Mario Fucci al Governatore Gianvito Giannelli e a tutte le autorità rotariane presenti. Il Segretario ha approfittato del suo intervento per anticipare già due importanti riunioni in Settembre il giorno 6 e la tradizionale, ormai famosa, Festa della scuola il giorno 20.

Ha poi preso la parola l’Istruttore Distrettuale Titta De Tommasi, che, molto simpaticamente, ha affermato di sentirsi a casa nel Rotary Club Trani per la profonda amicizia che lo lega ai Soci del Club. Il tema del suo intervento era: “Presenta il Rotary ad un amico”. Egli ha affermato che non è facile presentare il Rotary, anche per i molti pregiudizi che ne offuscano un po’ l’immagine nel pubblico, ma, a guardar bene, sarebbe sufficiente partire dalla definizione del Rotary International che appunto è un’associazione internazionale, originata non dal vertice, ma dal basso, dai Soci e dai Club: basta soffermarsi un momento a ricordare le origini del sodalizio. Tutto è nato per un incontro di quattro persone nel lontano 1905. La struttura, quindi, poggia essenzialmente sui singoli Soci che operano sulla base della loro professionalità e la rendono sostanziale nell’azione sociale realizzata dai Club. Esempio principale di queste realizzazioni è la campagna di vaccinazione contro la Polio, che ne ha portato alla quasi totale eradicazione. Titta ha aggiunto che era lieto di ricordare un esempio recentissimo di applicazione pratica delle professionalità presenti nel Club, con la ricostruzione della Facoltà di Ingegneria dell’Università dell’Aquila distrutta dal terremoto. La ricostruzione è costata €2400000 ed è durata solo due anni, quindi, quando il Rotary s’impegna, le prestazioni sono sempre di massimo livello. Il cardine di tutto ciò è l’amicizia rotariana, che consiste, in sostanza, nella condivisione dei principi etici, con il porsi a servizio degli altri: obiettivo finale è la comprensione e tolleranza tra i popoli, al fine ultimo di conseguire la pace, Questo obiettivo non è utopistico come si potrebbe pensare, perché porsi un target anche molto lontano e perseguirlo con determinazione non può che generare risultati positivi. Per allargare il discorso, basta considerare quali sono le basi etico-politiche del Rotary: internazionalità, aconfessionalità, apartiticità, amicizia e servizio al di sopra di ogni interesse personale. Ciò consente al Rotary di colloquiare con tutti, indipendentemente da cultura, razza, lingua e religione. Tutto questo si può sintetizzare molto rapidamente, in un atteggiamento rivolto alla “politica del poter fare”: ciò è connaturato all’azione del Rotary ed è una cosa talmente spontanea e naturale che spesso gli stessi Soci non se ne rendono conto. Il messaggio finale di questo intervento è dunque il fatto che bisogna credere negli ideali del Rotary e operare sempre per realizzarli.

La parola è poi passata al Presidente del Club, Pasquale Vilella che si è complimentato per l’intervento di Titta e ha espresso la speranza che si potrà ripetere presto un evento del genere, perché dobbiamo continuare ad imparare come è stato fatto questa sera. E’ allora intervenuta  brevemente la Presidente del Rotaract Club Trani, Roberta Vilella, per invitare i Soci a partecipare al loro service di vendita di gel disinfettante, per una raccolta fondi che sarà poi dedicata all’acquisto di equipaggiamento per la ONLUS OER (Operatori Emergenza Radio) di Trani, alla quale già altre volte il nostro Club ha fatto donazioni cospicue

E’ arrivato allora il gioioso momento della cooptazione di due nuovi Soci: presentati da Carla D’Urso, sono la manager Monique De Luca Tupputi Schinosa e il M.° Alfonso Soldano, pianista notissimo. Il Presidente Internazionale Shekhar Metha ha chiesto “Each one bring one” e Carla D’Urso è stata la più pronta del Club nel rispondere con i fatti.  Sono stati letti da Carla i loro curriculum vitae. Monique è attualmente inserita nell’azienda agricola di famiglia e si occupa del marketing della produzione di olio, mentre il Maestro Alfonso Soldano ha un curriculum talmente vasto e lungo che è ben difficile riassumerlo: basta dire che si tratta di un pianista notissimo, che non solo opera ad alto livello concertistico, ma insegna in numerosi conservatori. Entrambi, prima ancora di diventare Soci di un Rotary Club sono stati insigniti della Paul Harris e Monique  è stata anche Presidente di un Rotary Club in Francia, qualche anno fa. Pertanto, i due nuovi Soci non hanno particolare bisogno di presentazione e di certo si inseriranno attivamente e con grande efficacia nella vita sociale del Club, come, infatti, essi hanno affermato di voler fare nel loro intervento di ringraziamento. Il Presidente Pasquale Vilella ha poi sottolineato come Alfonso si sia già fatto promotore del gemellaggio con un altro Rotary Club.

Si è poi svolta la cerimonia con cui si è concretamente celebrato il Rotary Fidelity Day con la consegna delle targhe commemorative ai Soci, avendo il Presidente specificato che ce ne sono due o tre molto vicini ai 50 anni di presenza nel Club e che quindi verranno premiati nei prossimi anni.

I premi sono andati, per 5 anni di anzianità al Presidente nominato Pietro De Luca Tupputi Schinosa, per 10 anni ad Antonella Busseti, Francesco Cifarelli e  Giulio Marchio, per 15 anni a Giuseppe Papagno, per 25 anni a Sabino Chincoli e Mario Fucci, per 30 anni a Nunzio De Vanna, per 35 a Fedele Settanni, per 40 a Umberto Busseti e per 45 a Ugo Operamolla. Una targa speciale è stata poi dedicata a Mimma Picardi, la nostra socia più anziana d’età, che, nel suo ringraziamento ha precisato di essere stata coinvolta nel Club, con suo marito, fin dal lontano 1966. Sono state poi consegnate tre campane, per ricordo dei loro anni di Presidenza a Mimmo Lasala, Angela Tannoia e Achille Cusani.

Il governatore Gianvito Giannelli ha poi concluso la serata parlando dell’importanza dell’effettivo, quindi con un saluto particolare a Monique e Alfonso, i neo cooptati. Ha salutato poi Roberta Vilella come Presidente del Rotaract Trani, ricordando l’impegno del sodalizio per l’Afghanistan in modo concreto, delineando una linea guida per un progetto di gestione dei rifugiati afghani, con particolare riferimento alla preparazione dei profughi che riceveremo per un inserimento nel mondo del lavoro. La serata si è quindi conclusa all’insegna della solidarietà concreta, in sostanza nel segno della realizzazione degli ideali del Rotary.

Achille Cusani  1 Settembre 2021

 

Fotogallery della serata

IMG_4159.jpg

IMG_4121.jpg

Condividi su