Celebrazione del 65esimo anniversario della fondazione del Rotary Club Trani. 19/5/2020.

“65 ma non li dimostra” era il titolo scherzoso, ma non troppo, della serata del 19 maggio, che, per uno strano gioco di date, è caduta di martedì, come era martedì il 19 maggio di 65 anni fa, alla prima riunione del nostro Club. Purtroppo, molta della solennità della celebrazione è andata perduta, perché si è dovuta svolgere in modo virtuale, ma l’atmosfera è stata comunque gioiosa e a volte anche commovente. Dopo il rituale tocco di campana e gli inni, il Presidente del Club, Achille Cusani, ha salutato il Governatore, accompagnato dalla Signora Mariagrazia, tutte le autorità rotariane presenti, i Soci e gli ospiti. Egli ha ricordato come il Rotary Club Trani sia stato il quinto fondato in Puglia, il primo in una città non capoluogo di provincia, avendo come Club padrino il più antico di Puglia, il R.C. Bari, fondato nel 1933. In questi suoi 65 anni, il Club ha espresso due Governatori: il mai dimenticato Giulio Carlucci nel 78/79 e Beppe Volpe nel 2004/05 e ha dato vita a sei Club: Molfetta, che ha espresso due Governatori : Tommaso Berardi e Luigi Palombella. Andria Castelli Svevi, che ha espresso l’attuale Governatore Sergio Sernia e ancora i Club di Barletta, Bisceglie, Canosa e Valle dell’Ofanto. Tra le molte iniziative cui il Club ha dato vita, si annoverano la Festa della Scuola, con la premiazione dei migliori alunni del territorio circostante, che fu tenuta la prima volta nel 1963; il Premio alla Professionalità conferito per la prima volta dall’allora Presidente Ninuccio Giorgino, nel 1990 e il Premio alle Giovani Generazioni, istituito da Nunzio De Vanna (che ha anche curato l’edizione del volume commemorativo dei 65 anni del Club) nel suo anno di presidenza 2016/17. Impossibile citare i numerosissimi incarichi ricevuti a livello distrettuale dai nostri Soci, che hanno dato sempre il loro contributo all’attività del distretto con slancio e dedizione: si rimanda appunto al volume commemorativo. Quasi 90 sono le onorificenze Paul Harris ottenute dai Soci, tra i quali annoveriamo un Major Donor e quattro Soci benefattori della Rotary Foundation. Ovviamente, si potrebbe continuare con l’elenco dei centinaia di Service effettuati in questi anni, ma la cosa risulterebbe eccessivamente tediosa: tutto questo, però, è sufficiente per poter dire che il bilancio di questi 65 anni è di certo positivo e ciò può costituire una base solidissima per la prosecuzione del cammino e per l’ottenimento di ancora più ampi, più elevati e più lontani traguardi. Tutto questo sarà ricordato nel volume commemorativo, non certo per ostentazione, ma molto più semplicemente come documentazione a “futura memoria”. Infatti, gli uomini transitano e le loro azioni, specialmente quelle buone, vengono spesso e dimenticate. Perciò, riferirsi a quanto è avvenuto e utilizzare la forza e l’ispirazione che ci vengono dal passato, può davvero fare la differenza. E noi rotariani siamo abituati a fare la differenza, siamo spinti dalla forza delle idee semplici: servizio in amicizia, non c’è nulla di più elementare, ma metterlo in atto davvero vorrebbe dire cambiare completamente il mondo in cui viviamo e vivere sereni in pace e fratellanza.
Ecco perché siamo Rotary International da 115 anni, perché il Rotary è reso perenne dagli ideali, che tutti i Soci, dal primo all’ultimo, nel mondo, perseguono. In conclusione, l’augurio che possiamo trarre dalla celebrazione dei 65 anni è quello di essere sempre coerenti e impegnati per non far venir meno la presenza del Club nella comunità e nel mondo. Fin qui il Presidente per la presentazione della serata.
Si è poi subito passati alla nomina a Socio Onorario del PDG Riccardo Giorgino, dando lettura del suo curriculum vitae tratto dalla prefazione del suo libro “Il Rotary sui fondamenti e sulle azioni”. Lui stesso, nella prefazione, dice di essere stato chiamato a far parte del Rotary Internazionale come Socio del R.C. Bari il 17 aprile 1973, diventandone Presidente nell’anno rotariano 1978/79; nell’anno 1992/93 ha servito il Rotary come Governatore del Distretto 2100, che ha rappresentato anche nel Consiglio di Legislazione del 2001. Ha partecipato attivamente alla vita del Distretto e presieduto Commissioni distrettuali di grande significato e ha rappresentato il Presidente Internazionale in vari Congressi distrettuali. Inoltre, ha fondato l’Associazione dei Past Governor di Italia, Malta e San Marino, di cui attualmente è Presidente.
Dopo la lettura del CV, il Presidente ha letto la motivazione della nomina a Socio Onorario, che dice:
“Il Presidente del Rotary Club Trani, il Consiglio Direttivo unanime e i Soci tutti hanno il piacere di nominare il Past District Governor Riccardo Giorgino Socio Onorario, esempio, guida e stimolo al bene comune per moltissimi rotariani, per la sua totale dedizione al Rotary nell’ambito di una mai sopita tradizione di famiglia e per la profonda adesione agli ideali di servizio e amicizia che da sempre ci guidano”
Il breve discorso di ringraziamento del PDG è stato commovente e commosso: egli non ha mancato di rilevare la sua antica consuetudine con il Club di Trani, del quale è Socio suo fratello Ninuccio ed è stato Socio suo nipote Nicola. Le parole ricche di sentimento di Riccardo hanno davvero impressionato i presenti e qualche lacrima si è vista spuntare su più volti.

Nel prosieguo della festa, è stato poi mostrato un simpaticissimo video, girato nella mattinata, nel quale era stata immortalata la consegna da parte del Rotary Club Andria Castelli Svevi, di una targa, nella quale era stata incisa la lettera di nomina a Socio Onorario, nel lontano 1955, di Pasquale Cafaro, eminente figura andriese di storico ed intellettuale dell’epoca.
Si è poi passati alla cerimonia delle premiazioni. Il Presidente ha apportato una piccola modifica al cerimoniale per dare la precedenza al Premio alle Giovani Generazioni: la premianda, la giovane atleta Alessia Muciaccia, è stata presentata dal nostro Presidente Incoming, Angela Tannoia, che è anche Dirigente Scolastico del Liceo Valdemaro Vecchi di Trani, nel quale Alessia studia con ottimi risultati. La presentazione è stata fatta riassumendo il curriculum vitae di Alessia e mostrando una serie di diapositive delle sue gare. Alessia è nata a Trani il 16 febbraio 2002, appartiene la società sportiva ACSI Italia Atletica Roma e può vantare 59” 45 sui 400 metri,1’12” 96 sugli 800 e 4 minuti 4’45” 70 centesimi sui 1500 metri ed è Campionessa Italiana degli 800 metri indoor 2019. Il Presidente ha dato lettura della pergamena riportante le motivazioni del suo premio:
“Il Rotary Club Trani, ponendo particolare attenzione ai giovani, alla loro crescita come cittadini e come persone e al loro continuo migliorarsi, ha il grande piacere di conferire il Premio Giovani Generazioni per l’anno 2019/20 all’atleta tranese Alessia Muciaccia, Campionessa italiana 2019 degli 800 metri indoor, per la sostanza data al suo impegno come atleta e come persona, alla ricerca di sempre migliori ed ampi traguardi”.
Subito dopo, il nostro amico Socio Salvatore Nardò ha presentato con commosse parole di stima e d’affetto il suo amico carissimo Domenico Grande, Maggiore Pilota dell’Aeronautica Militare Italiana. Quindi, il Presidente ha dato lettura della motivazione del premio:
“Il Rotary Club Trani, da sempre dedito al servizio della comunità per favorirne lo sviluppo sociale ed umano, ha il grande piacere di conferire il Premio Professionalità per l’anno rotariano 2019/20 a Domenico Grande, Maggiore Pilota dell’Aeronautica Militare Italiana: per compiere al meglio la sua missione in difesa della Patria, delle sue genti e della Pace, egli si è impegnato a raggiungere livelli di eccellenza nelle tecniche di pilotaggio, distinguendosi, anche a livello internazionale, per singolari doti militari ed umane”.

Subito dopo, il Maggiore Grande ha preso la parola e ha presentato una relazione alquanto originale. Infatti, normalmente, si legge prima il curriculum e poi avviene la relazione: il Maggiore ha unito le due cose e mentre esponeva il proprio curriculum, per ogni data significativa, descriveva quello che effettivamente era avvenuto nella sua formazione. Ecco una breve sintesi di quanto da lui esposto.
Il Maggiore Domenico Grande è nato a Trani il 6 giugno del 1980 e ha frequentato l’ITIS Onofrio Jannuzzi di Andria. È sposato con la Signora Elisabetta e ha due figli, Diego e Arianna. E’ entrato in Accademia Aeronautica con il corso Borea Quinto nel 2001, laureandosi in Scienze Aeronautiche presso l’Università Federico II di Napoli nel 2006. Ha conseguito il brevetto di pilota militare presso la base aerea USAF di Colombo (Mississipi) dove, al termine del corso, si è classificato primo, vincendo il premio Military Training Awards a seguito delle performance dimostrate in volo: primo studente straniero in assoluto a vincere tale premio. Contemporaneamente a queste informazioni, il Maggiore faceva vedere tutta una serie di interessantissime fotografie che riguardavano questa attività, in genere ignorata dal pubblico. Successivamente, egli ha completato il corso sul velivolo Eurofighter Typhoon, presso la base aerea di Grosseto, sempre classificandosi primo. Nel 2011 è entrato a far parte del reparto sperimentale di volo di Pratica di Mare ed è inoltre diventato Test Pilot nel 2014 in Francia. Anche lì ha ricevuto una nota di merito dalla scuola e dall’Ambasciata l’Italia a Parigi. Dal 2014 al 2019, è stato Capo Sezione Velivoli ad ala rotante, sempre nel reparto sperimentale di volo. A tale proposito. il Maggiore ha mostrato un interessantissimo video di rifornimento in volo di un gigantesco elicottero HH-101A CAESAR, una sequenza che definire spettacolare è poco! Nel 2018/19 venne scelto come Display Pilot del caccia Eurofighter Typhoon: a questo proposito il Maggiore ha mostrato un video in cui questo bellissimo velivolo compiva evoluzioni dimostrative molto impressionanti. In conclusione, si ricorda che egli ha al suo attivo quasi 3000 ore di volo. Questa originale e dettagliata presentazione è stata salutata dagli applausi sentiti di tutti i presenti.
Al termine dell’esposizione del Maggiore, Alessia Muciaccia ha voluto ringraziare sentitamente per il Premio assegnatole, dicendosi molto emozionata e onorata per averlo ricevuto. Come da tradizione, la serata è stata poi conclusa dal nostro Governatore che si è complimentato con i premiati, ha salutato in modo particolarmente affettuoso Riccardo Giorgino e ha confermato la sua stima e simpatia per il Rotary Club Trani

Achille Cusani

Condividi su