ROTARY CLUB FOGGIA “U. GIORDANO”- Progetto Maternità Sicura in Bigene (Guinea Bissau)

<Il Rotary nell’impegno umanitario

MATERNITÀ SICURA … IN PROGRESS

Si è felicemente concluso il 23 marzo 2018 il progetto “Maternità sicura” a Bigene, in Guinea Bissau, promosso dal Rotary Club Foggia “Umberto Giordano”, con l’inaugurazione del 1° Punto Nascita, alla presenza della Presidentessa ed altre autorità rotariane del Club di Bissau, della Presidente della Caritas nazionale, del Segretario Generale del Ministero della Sanità, del Direttore Medico responsabile della regione di Cacheu, dell’Amministratrice locale di Bigene, del socio rotariano Rosario Magaldi, della presidente Anna Tappi e del dr. Antonio Scopelliti, entrambi dell’onlus Solidaunia.
Il progetto “Maternità Sicura” a Bigene, presentato nel suo anno di presidenza, 2102-13, da Maria Buono, convinta sostenitrice dell’efficacia degli interventi umanitari in loco per migliorarne le precarie condizioni di vita delle donne nella tutela del parto, rientra nell’area di intervento “Ambito materno /infantile” della Rotary Foundation
Bigene, al confine con il Senegal e comprensivo di 57 villaggi, registra una popolazione di circa 10.000 abitanti con un altissimo indice di mortalità neonatale ed infantile, essendo la Guinea Bissau tra i Paesi dell’Africa con il più alto tasso di malnutrizione in età pediatrica: il 14%, ovvero 1/7, muore prima del 5° anno di vita. Spesso lo scarso livello nutritivo inizia prima della nascita attraverso la malnutrizione materna a causa della fame, povertà, svezzamento precoce, ignoranza e tabù, e questo contribuisce al 3% di nati morti in utero. L’80% della mortalità materna può essere evitato mediante accesso ai servizi di assistenza sanitaria e la formazione di Operatori sanitari.
Il progetto, svoltosi in partenariato con l’onlus Solidaunia, ha goduto di sovvenzione globale e della condivisione di altri 12 Club del Distretto 2120 Puglia e Basilicata (Foggia – Foggia “Capitanata” – San Giovanni Rotondo – Gargano – Bari – Trani – Martina Franca – San Severo – Lucera – Cerignola – Manfredonia – Andria), nonché del club di Bissau e della Diocesi presente sul territorio, che ha accolto favorevolmente l’iniziativa.
Il 1° Punto Nascita, arredato con qualificate attrezzature sanitarie di Sala travaglio -parto -camera per la degenza con 4 posti-letto –ambulatorio attrezzato per visite, nasce a fianco dell’esistente semplice “Centro Nutrizionale”, gestito dalle Suore Oblate del Sacro Cuore di Gesù, sotto il coordinamento della Diocesi di Bissau per incarico dell’UNICEF, con la mission di visite periodiche ai bambini e distribuzione di alimenti specifici per quelli malnutriti, ed eventuale somministrazione di terapie, con monitoraggio dello stato di salute.
La struttura ospedaliera è stata realizzata dall’onlus Solidaunia, mentre il Rotary ha provveduto alle attrezzature e alla formazione delle ostetriche (115 matronas) dei 57 villaggi limitrofi per la tutela del parto non complicato, considerando che esse operano in condizioni precarie per assenza di conoscenze mediche e sanitarie. La formazione è stata affidata al dr. Antonio Scopelliti, ostetrico-ginecologo, medico missionario, continuamente impegnato in azioni di volontariato, aiuto e formazione sanitaria nei Paesi del Terzo Mondo, mentre il monitoraggio è stato curato dall’Ostetrica Rita Cuttano, dell’Azienda Ospedaliera-Universitaria (AOU) di Foggia, con il compito di coinvolgere le donne mediante attività sul campo. Per garantire una presenza stabile di controllo, la Diocesi e l’Università di Foggia hanno avviato un programma di collaborazione con le Autorità e la Diocesi locali, inviando anche Missionari. Notevole è stato l’impegno del socio rotariano, dr. Rosario Magaldi, Direttore della Neonatologia e Terapia Intensiva Neonatale presso l’AOU di Foggia, di recente in pensione, del dr. Scopelliti e dell’ostetrica Picca, tutti ex-dipendenti dell’AOU di Foggia, che dal 4 gennaio 2018 hanno soggiornato a Bigene per collocare e collaudare le attrezzature ma senza dimenticare l’assistenza sanitaria e la formazione. Al momento del taglio del nastro, una profonda commozione ha coinvolto tutti: abbracci, sorrisi ma, soprattutto, la consapevolezza della necessità di garantire continuità formativa e sostenibilità.
Il RC Foggia “U. Giordano” non ha ultimato il suo percorso ma ha raggiunto solo un traguardo; il prossimo riguarda il progetto “PROGRESS”, proposto dal Presidente in carica, Luciano Magaldi, finalizzato alla formazione professionale di 9 Operatori Sanitari, medici e paramedici, della Guinea Bissau per conferire “autonomia” gestionale al piccolo Ospedale. Gli O.S. locali, dopo un anno di formazione in ambito specialistico di Anestesia– Ostetricia/Ginecologia– Pediatria/Neonatologia e Chirurgia Pediatrica, presso l’AOU di Foggia e l’Ospedale “Casa Sollievo della Sofferenza” di San Giovanni Rotondo, ritorneranno in Guinea Bissau per prestare in Loco la propria opera.
Ben 19 i Club del Distretto che condividono il progetto (Foggia – Foggia “Umberto Giordano” – Foggia “Capitanata” – Bari – Trani – Barletta – Martina Franca – Taranto “Magna Grecia”- San Severo – Lucera – Cerignola – Manfredonia – Gargano – Matera – Valle d’Ofanto – Canosa – Bitonto Terre dell’olio – Bisceglia e Molfetta), felici di operare per il bene comune.
Ciò che sembrava un sogno è diventato una bellissima realtà! Si sono registrate già le prime nascite e altri medici rotariani e non, si stanno prenotando per offrire il loro service a sostegno della vita.
Facciamo nostro il Credo della Speranza:
“…nulla va perduto nella vita, nessun frammento di bontà e di bellezza, nessun sacrificio per quanto nascosto ed ignorato, nessuna lacrima, nessuna amicizia…”.
Maria Buono
Responsabile progetto “Maternità sicura”

Contattaci

Al momento non possiamo rispondere, lo faremo comunque al più presto.

Not readable? Change text. captcha txt