Interclub Massafra – Martina Franca. Dialogo “Sulla Giustizia” con Francesco Caringella

Lo scorso 3 febbraio, presso il Teatro Comunale “Nicola Resta” di Massafra si è svolto l’interclub tra il Rotary Club di Massafra e il Rotary Club di Martina Franca durante il quale si è parlato di giustizia insieme al dott. Francesco Caringella, magistrato e presidente della V sezione del Consiglio di Stato, nonché autore del libro “10 lezioni sulla giustizia per cittadini curiosi e perplessi” (edito Mondadori).

Dopo i saluti del presidente del Rotary Club di Massafra, avv. Luigi Salvi, e del presidente del Rotary Club Martina Franca, dott. Massimo De Luca, si è entrati nel vivo del convegno con gli interventi degli avvocati Pietro Mastrangelo, Vito Tomaso Donvito e Rocco Giuliani. Toccando i diversi aspetti del tema “giustizia”, gli addetti ai lavori hanno intervistato l’ospite protagonista della conferenza, il consigliere di stato dott. Francesco Caringella.

dott. Francesco Caringella, magistrato e presidente della V sezione del Consiglio di Stato

Diversi gli spunti di riflessione offerti dal confronto con il dott. Caringella: le dannose lungaggini nell’ambito della giustizia, il ruolo dell’avvocato, le qualità, il potere e le carenze del giudice; ed ancora, le criticità della giustizia.

Come pochi, Caringella ha saputo interessare e coinvolgere il pubblico con la sua competenza e simpatia. Muovendosi disinvoltamente tra aneddoti relativi alla sua carriera, citazioni filosofiche e letterarie e qualche battuta, Caringella ha insegnato che la giustizia non è perfetta ma perfettibile, che le leggi dovrebbero essere formulate in maniera tale da rendere il giudice un esecutore e non un interprete della norma. “Il grave problema della giustizia italiana è di tipo culturale. Finché si continuerà a pensare che il merito non serva perché esiste la raccomandazione, – ha chiosato il magistrato – sarà diffusa la sfiducia nella giustizia così come nella politica e nel futuro. Le regole vanno rispettate ed accettate, non messe in discussione e violate come si è abituati a fare.”

A concludere l’interessante quanto coinvolgente pomeriggio culturale un vivace dibattito tra l’autore ed il pubblico.

L’interclub ha permesso ai “cittadini curiosi”di conoscere e dialogare con un magistrato che coniuga la vita professionale dell’uomo di legge con la letteratura, ed ha anche fugato i dubbi di “quelli perplessi”.

Contattaci

Al momento non possiamo rispondere, lo faremo comunque al più presto.

Not readable? Change text. captcha txt