E se fossero pure i colori a fare la differenza?

Quanto ne sappiamo noi dei colori e dei loro poteri nascosti? Per qualcuno i colori sono la sostanza del mondo che ci circonda. Sappiamo con certezza che essi presiedono alle nostre emozioni, alle sensazioni, ai ricordi, influenzando profondamente la nostra sfera emotiva. Sappiamo che possono esprimere la nostra personalità, e che possono finanche guarire da alcune patologie. Del resto, fin dall’antichità i colori hanno accompagnato e espresso l’esistenza degli individui e dei popoli, non senza riferimenti magici e simbolici. L’arcobaleno nei popoli antichi era il collegamento tra la terra e il mondo della divinità e non a caso un arcobaleno sancì il nuovo patto fra Dio e l’umanità, rappresentata da Noè, alla fine del diluvio universale.
E se anche il logo di quest’anno rotariano, proposto dal presidente internazionale Riseley e fatto proprio dal Governatore Lanzilotti, così carico di colori nei suoi elementi compositivi, potesse essere interpretato, alla ricerca dei suoi significati profondi e nascosti, alla luce dei valori simbolici della cromatologia?
La domanda se l’è posta il prof. Aldo Luisi, rotariano socio del Club Barialto Terra dei Peuceti e ordinario di Lingua e letteratura latina nell’Università “Aldo Moro” di Bari, il quale positivamente impressionato (sono parole sue) dalle parole pronunciate “ex imo cordis (dal profondo del cuore)” dal Governatore Lanzilotti in occasione della visita al suo Club, è stato colpito dalla grafica del logo dell’anno e ha deciso di elaborarne una sua interpretazione critica.
Ne è venuto fuori un testo estremamente intrigante e anche produttivo di grande curiosità, che, inviato allo stesso Governatore, è stato pubblicato integralmente su questo sito, nella sottosezione “Caro Governatore ti rispondo” della voce “Il Governatore scrive” (clicca qui).
Nell’offrirne la piacevole lettura ai nostri navigatori, non possiamo non fare nostre le conclusioni cui l’illustre docente giunge:
“Sono segnali interessanti anche le geometrie descritte, che si muovono sempre nella direzione dal basso verso l’alto; esse denotano l’aspirazione trascendente del club, quella di mirare in alto, verso traguardi sicuri. Questo messaggio, forse il più bello, certamente il più interessante, appare evidente dallo scenario cromatico suadente, fortemente convincente per la presenza dei colori caldi, attraenti presenti nel tondo. Chiunque legga queste note sappia che cilindri e colori nascondono alti significati. Bisogna solo saperli leggere. Comunque dove c’è pensiero c’è arte, a prescindere dagli strumenti d’uso”.
a.d.s.

 

Contattaci

Al momento non possiamo rispondere, lo faremo comunque al più presto.

Not readable? Change text. captcha txt